PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Torna “Il Po ricorda!”, tanti eventi per la sesta edizione PROGRAMMA

Più informazioni su

Ritorna per la sesta edizione il festival fluviale “Il Po ricorda!“, la manifestazione ideata dall’Associazione piacentina Arti e Pensieri che si propone di promuovere il valore culturale, paesaggistico ed economico del Po.

Si comporrà – spiegano gli organizzatori – di una rassegna di eventi di ampio richiamo, collegando in un racconto unitario i beni  storici e naturali della città e del suo fiume.

L’edizione di quest’anno si rivolge da un lato ad un pubblico diversificato, adottando forme di linguaggio nuove e originali, dall’altro mira a ricucire il Po alla spazio urbano e ai suoi luoghi significanti: “Si propone di valorizzare l’aerea fluviale, facendo prendere coscienza ai cittadini della bellezza e della comodità di uno spazio che nel corso degli anni è stato abbandonato e lasciato a sè”.

Per l’allestimento del 2018 si è individuato nel Centro visite del Parco fluviale del Trebbia a Borgotrebbia, piccolo museo di recente creazione, un luogo particolarmente adatto per tenere un ciclo di conferenze incentrate sul tema di Piacenza romana in previsione dell’imminente apertura della sezione romana dei Musei Civici Palazzo Farnese.

La posizione del museo alla confluenza del Trebbia nel Po permette anche di richiamare l’episodio del passaggio di Annibale nel territorio piacentino nonché la fondazione della città.

Le date:

Venerdì 29 giugno ore 17:30 presso Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Strada dell’Aguzzafame 67, Borgotrebbia) e sul Lungo Po (via del Pontiere, zona Canottieri Vittorino da Feltre), Piacenza

Conferenza a cura di Mariarosa Lommi, Arti e Pensieri

218 a. C.: Annibale e la fondazione di Placentia
Il 218 a.C. fu un anno cruciale. Rompendo tutti gli equilibri faticosamente raggiunti, dopo una serie quasi ininterrotta di vittorie romane nella Pianura Padana, Annibale entrò in Italia, trovò velocemente degli alleati negli Insubri, Boi e Liguri e fece ripiegare al di là degli Appennini l’esercito romano.

Piacenza, insieme all’altra “città-sentinella” Cremona, era appena stata fondata e si trovò anch’essa travolta dagli eventi: al termine della seconda guerra punica, quando lentamente Roma riprese possesso dei territori perduti, nuovi coloni si insediarono nella città fluviale, compenetrandosi con le culture preesistenti.

Nel corso della conferenza grazie alle fonti antiche daremo voce ai protagonisti e mostreremo i più importanti rinvenimenti archeologici – spesso tuttavia poco noti al grande pubblico – per mostrare come i romani si incontrarono, scontrarono e mescolarono con Celti, Etruschi e Liguri: da quel “melting pot” nacque la regione più ricca e produttiva d’Italia, i cui caratteri odierni affondano le radici in un’epoca davvero antica.

Laboratorio sotto al pergolato del museo: creazione di piccoli elefanti in argilla. Aperitivo e reading in riva al Po.

Venerdì 13 luglio ore 17:30 presso Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Strada dell’Aguzzafame 67, Borgotrebbia) e sul Lungo Po (via del Pontiere, zona Canottieri Vittorino da Feltre), Piacenza

Conferenza a cura di Elisa Ponzi, Arti e Pensieri

Il sito pluristratificato di Santa Margherita: una vera macchina del tempo
Il sito che oggi ospita l’Auditorium Santa Margherita a Piacenza, sede della Fondazione di Piacenza e Vigevano, testimonia varie fasi di frequentazione messe in luce nel corso di scavi archeologici avvenuti tra la fine degli anni ’70 e i primi ’80.

Ripercorreremo la storia di quest’area con particolare riferimento all’epoca romana, analizzeremo la ceramica ritrovata e scopriremo così come dopo un periodo relativamente breve dalla sua deduzione, la colonia di Piacenza si dimostri già un centro estremamente vitale dal punto di vista produttivo, inserendosi a pieno titolo nella grande tradizione artigianale padana.

Laboratorio sotto al pergolato del museo: scavo archeologico simulato. Aperitivo e reading in riva al Po.

Venerdì 27 luglio 2018 presso Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Strada dell’Aguzzafame 67, Borgotrebbia) e sul Lungo Po (via del Pontiere, zona Canottieri Vittorino da Feltre), Piacenza

Monster of Orzorock III edizione
Terza edizione della fortunata iniziativa in collaborazione con l’etichetta Orzorock Music e omaggio catartico al fiume nel suo aspetto terrifico, per guardare in volto le nostre paure ed essere più consapevoli delle problematiche ambientali.

Il concerto, inoltre, favorendo l’incontro di varie band, provenienti da diverse regioni italiane, rinnova il senso di crocevia dell’antico guado piacentino sul Po.

Già dal pomeriggio inaugurazione della mostra “Il viaggio negli occhi” presso il Centro visite del Parco fluviale del Trebbia, visita alla chiesa di Borgotrebbia a cura di Raimondo Sassi, laboratori artistici sul Lungo Po e navigazioni in attesa dell’esibizione delle band.
 
Venerdì 7 settembre ore 17:30 presso Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Strada dell’Aguzzafame 67, Borgotrebbia) e sul Lungo Po (via del Pontiere, zona Canottieri Vittorino da Feltre), Piacenza

Conferenza a cura di Mariarosa Lommi, Arti e Pensieri

Lo scavo di via San Tommaso: nuova luce sulla forma urbis di Placentia e sul suo sistema difensivo
È possibile ricostruire l’andamento delle antiche mura di Placentia e quindi individuare la forma della città in età romana? L’operazione è certamente ardua e sarebbero necessari ulteriori scavi esplorativi, tuttavia lo studio del sito archeologico di via San Tommaso può portare nuova luce su quanto finora noto.

Il bellissimo mosaico e i materiali trovati, infatti, mostrano inequivocabilmente come nell’area si trovasse almeno una domus, poi distrutta e coperta da strati di terreno. Questo, insieme ad altre numerose evidenze, permette di ipotizzare che la città fosse stata pianificata nella sua estensione fin dalla rifondazione del 190 a.C., senza procedere a progressivi ampliamenti se non nel corso del Medioevo.

Laboratorio sotto al pergolato del museo: realizzazione e bollatura di un mattone “romano” in argilla. Aperitivo e reading in riva al Po.

Venerdì 14 settembre ore 17:30 presso Centro visite del Parco fluviale del Trebbia (Strada dell’Aguzzafame 67, Borgotrebbia) e sul Lungo Po (via del Pontiere, zona Canottieri Vittorino da Feltre), Piacenza

Conferenza a cura di Micaela Bertuzzi, Arti e Pensieri

Il mosaico romano di piazza duomo tra storia e mito
Il mosaico romano, casualmente rinvenuto nel 1857 sotto Piazza Duomo durante i lavori per l’erezione del monumento alla Madonna Immacolata, da subito riscosse l’attenzione degli studiosi e degli eruditi locali.

Sembra anche che se ne volesse realizzare una litografia, evidentemente in previsione di una sua crescente popolarità e con l’intenzione di promuoverne la fama. Tuttavia, questo prezioso documento è andato perduto, probabilmente per sempre. La sua storia, in realtà, ancora una volta, ci porta a riflettere sulle conseguenze nefaste che ha avuto per Piacenza il fatto di non aver riconosciuto, se non con grave ritardo, la necessità di tutelare il proprio patrimonio culturale mediante la creazione di un museo civico.

Laboratorio sotto al pergolato del museo: crea il tuo mosaico (max 20 partecipanti). Aperitivo e reading in riva al Po.

I laboratori, rivolti ai più piccoli e guidati da operatori didattici specializzati, sono concepiti allo scopo di consentire ai genitori interessati di godersi in pace le conferenze, ed eventualmente di unirsi ai laboratori in un secondo momento. Per la partecipazione agli aperitivi sarà gradita una piccola offerta a sostegno delle attività dell’Associazione Arti e Pensieri.

IL PO RICORDA si svolge in collaborazione con il Comune di Piacenza (Politiche Culturali e Promozione Turistica; Eventi e Valorizzazione del Grande Fiume) e l’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità Emilia occidentale, con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e con il patrocinio del Via Francigena Collective Project 2018.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.