PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Universi

Un’esperienza di alternanza scuola-UniVersi. L’intervista di Roberta

Più informazioni su

L’esperienza di alternanza scuola-lavoro fatta all’Università Cattolica con la redazione di UniVersi si è appena conclusa con la mia intervista, in cui i redattori mi hanno rivolto delle domande inerenti questo progetto. In realtà è stata un’intervista a doppio senso perché alla fine ho fatto qualche domanda anche io!

Una cosa inaspettata è stata la lettera di Chiara, una delle redattrici, leggerla è stato molto emozionante perché mi sono riconosciuta nelle sue parole e mi ha fatto molto piacere che lei mi abbia capita così bene.

Di solito a tutte le persone che vengono intervistate si chiede di presentarsi, io non mi sono dovuta presentare perché mi conoscevano già, quindi uso le parole di Chiara per presentarmi ai lettori: “Roberta ha solo 18 anni e frequenta l’ultima classe del liceo Gioia. È venuta da noi per fare uno stage… è una ragazza molto positiva e forte e non si lamenta mai per i suoi problemi, pur essendo in carrozzina come tutti noi redattori… ama molto lo sport e in particolare il nuoto e il Baskin… sta preparando l’esame di maturità e so che farà bene perché è molto preparata e molto ricca di umanità e di sensibilità”.

Ecco l’intervista che mi hanno fatto!

Domanda di Hassan: a quali convegni hai assistito e quali hai trovato interessanti?
Purtroppo ho potuto partecipare solo ad un evento per problemi personali e scolastici. Ho seguito il convegno “Il senso dell’altro” in cui si è parlato dell’inclusione e mi è piaciuto molto perché mi ha fatto capire che anche chi ha delle difficoltà le può superare. Si possono trovare muri, ma anche ponti e anche io sto cercando di superare le mie difficoltà nei limiti del possibile.

Domanda di Chiara: perché hai scelto di fare il tuo percorso di alternanza scuola lavoro a UniVersi?
Ho scelto di fare l’alternanza scuola lavoro ad UniVersi perché mi piace parlare con gli altri e confrontarmi e perché sapevo che c’erano degli eventi molto interessanti. Quando la Prof. l’anno scorso mi ha detto che c’era questa possibilità ho reagito in modo molto positivo perché fare l’alternanza all’Università come esperienza mi poteva far conoscere una realtà diversa dalla mia e poteva farmi imparare come funziona una redazione giornalistica.

Domanda di Davide: quando è cominciata l’attività e con che frequenza hai partecipato?
L’attività di alternanza è cominciata all’inizio di questo anno scolastico, il mio primo incontro è stato il 20 Ottobre 2017. La redazione si teneva ogni due venerdì.

Domanda di Alessia (educatrice di Roberta): cos’è UniVersi?
UniVersi è una rubrica fissa di Piacenza Sera dove alcuni ragazzi disabili scrivono degli articoli e poi li pubblicano. Nasce da una collaborazione tra il giornale online Piacenza Sera, l’Università Cattolica e il Comune di Piacenza. La redazione è composta dai redattori Chiara, Hassan e Micaela, e poi ci sono Monica che coordina le attività, Mauro che è il capo redattore, Davide che è un volontario del servizio civile e Ilaria del Comune di Piacenza.

Domanda di Valeria (insegnante di Roberta): come nasce un articolo?
Gli articoli possono essere interviste, descrizioni di eventi o anche scritti personali come quello sulla parola di Chiara. Gli articoli prima di essere pubblicati vengono controllati dal capo redattore Mauro Ferri che elimina le ripetizioni e fa le correzioni necessarie.

Domanda di Valeria (insegnante di Roberta): come si svolge un’intervista?
La persona intervistata si presenta e noi a turno facciamo le domande che abbiamo preparato durante la redazione o che ci sono venute in mente a casa. Le domande vengono inviate a Davide che fa da collegamento tra i vari redattori.

Domanda di Monica: come sei venuta a conoscenza di UniVersi?
Me ne hanno parlato a scuola sia Valeria che Alessia. Hanno avuto l’informazione grazie al primo articolo uscito su questo progetto che era stato condiviso su Facebook. Nell’articolo si parlava della nascita di UniVersi come redazione giornalistica che aveva come redattori dei ragazzi disabili.

Domanda di Chiara: cosa ti è piaciuto di più di questa esperienza?
La cosa che mi è piaciuta di più è parlare con le persone e questo mi ha fatto sentire integrata. Scrivere gli articoli mi ha fatto capire che anche se si hanno delle difficoltà si può scrivere e comunicare con gli altri. Inoltre mi è piaciuto molto l’entusiasmo di Chiara che, anche se non utilizza la voce, riesce a comunicare le sue idee grazie ai mezzi meccanici.

Domanda di Monica: avevi già scritto di te in passato?
Non avevo mai scritto di me, ma a scuola con il Prof. di religione sono stata diverse volte in varie classi per parlare di me, un po’ come fare delle interviste. Questa è una cosa che mi piace molto!

Domanda di Chiara: come si svolgono gli incontri della redazione?
Si discute dei vari eventi che ci vengono proposti da Monica e Mauro, ci presentano i personaggi che intervisteremo e decidiamo le domande da fare agli intervistati.

Domanda di Chiara: cosa vorresti fare l’anno prossimo?
L’Università mi ha dato un’ottima disponibilità quest’anno e per questo ringrazio Monica. Questa esperienza mi è piaciuta molto perché mi ha aiutato personalmente ad integrarmi con gli altri. Spero che l’anno prossimo potrò venire ancora all’Università e poi forse andrò in un centro a Cremona dove fanno diverse attività che riguardano la musica, l’arte, il teatro, yoga per la respirazione e altri corsi.

Domanda di Monica: come hai organizzato l’intervista al tuo ex allenatore di Baskin?
L’idea mi è venuta parlando delle interviste che si potevano fare perché volevo far conoscere il Baskin anche a Piacenza. Per ora si fa solo a Cremona e Caorso e questo mi sembra limitativo per quelli che vivono a Piacenza.
Per organizzare l’intervista ho chiesto alla redazione se erano d’accordo, poi ho chiamato Bodini, il mio ex allenatore, e lui mi ha risposto subito di sì. Gli ho chiesto quando poteva venire, ho comunicato alla redazione le date possibili e abbiamo trovato quella che andava bene a tutti.

Domanda di Micaela: ti sei sentita coinvolta attivamente in prima persona nell’esperienza di UniVersi? In che modo?
Ho partecipato attivamente perché mi è stata data la possibilità di intervistare il mio allenatore e ho potuto esprimere i miei pensieri.
Mi sono sentita molto coinvolta anche a livello emotivo: ho capito che scrivere gli articoli per me poteva essere un’esperienza emotiva molto forte.

Domanda di Micaela: hai imparato qualcosa di utile, dal punto di vista pratico e personale, attraverso quale attività?
Partecipare ad UniVersi è stato utile perché durante gli incontri di redazione ho imparato come si scrive un articolo e questo mi potrà servire in futuro se questa esperienza andrà avanti. Dal punto di vista personale ho capito che anche con una disabilità si possono raggiungere degli obiettivi, grazie anche alla partecipazione al convegno “Il senso dell’altro”. Questa esperienza mi è piaciuta e mi è servita davvero molto.

Ecco l’intervista che io ho fatto alla redazione!

Come è nato il nome UniVersi?
Il nome UniVersi ha diverse origini e racchiude tante idee messe insieme da più persone.
Inizialmente si era pensato ad UNI come acronimo di Una Network Inclusiva perché era un lavoro di rete con tante figure diverse che collaborano insieme per una redazione, poi l’abbiamo esteso ad UNIVersi per indicare un’inclusione totale e per ricordare anche il contesto di nascita che è l’Università. Il plurale indica che si fa riferimento a tanti universi, ad esempio quello culturale e quello esperienziale. Abbiamo poi distinto con le maiuscole UniVersi per sottolineare la parola “Versi” che indica tutto ciò che riguarda il linguaggio e la parola.

Domanda a Davide: come sei entrato ad UniVersi?
Ho cominciato come tirocinante al terzo anno di Università, dovevo fare 180 ore e mi hanno proposto di farne 80 su questo nuovo progetto. Si partiva da zero, abbiamo cominciato dalla creazione del nome e del logo, fino ad arrivare all’attività di redazione. Quest’anno ho deciso di fare domanda come volontario per il servizio civile nazionale in modo da entrare a far parte del servizio di integrazione dell’Università, capire come funziona e continuare con il progetto di UniVersi.

Domanda a Chiara: hai fatto fatica ad entrare in Università alla redazione di UniVersi? Quale evento ti ha colpita di più?
Non è stato difficile perché già frequentavo dei corsi: ho seguito per tre anni dei corsi annuali con il prof Triani.
Di sicuro l’evento che mi ha colpita di più è stato quello che riguardava il Giorno della Memoria con l’intervista ad un giornalista che aveva ritrovato un diario scritto da un ebreo. Si è anche parlato di alcuni ebrei che erano stati nascosti dai frati in un convento nelle Marche.

Domanda a Chiara: ti è piaciuta la mia intervista di oggi?
Si, mi è piaciuta tantissimo, perché sai trasmettere entusiasmo e interessare gli ascoltatori.

Con questa bella risposta di Chiara concludo la mia intervista speciale e ringrazio tutti per avermi dato questa bella e importante opportunità! Speriamo di rivederci l’anno prossimo!

Roberta Capannini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.