PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Via ai lavori per l’Emporio solidale: aprirà entro fine anno fotogallery

Via ufficiale ai lavori nel complesso immobiliare destinato alla realizzazione dell’Emporio solidale di Piacenza, il primo in tutta la provincia: aprirà i battenti entro la fine del 2018. L’area ove sorgerà il centro si trova in via I maggio: ottomila metri quadrati, con annessi capannoni, che la Fondazione di Piacenza e Vigevano ha acquistato nel giugno 2016 in vista della realizzazione di questa iniziativa.

Il via ufficiale ai lavori è stato presentato dal sindaco Patrizia Barbieri, insieme al presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Massimo Toscani, e al vescovo Gianni Ambrosio.

Al termine degli interventi di adeguamento strutturale, l’area sarà concessa in locazione ad un canone contenuto all’associazione Emporio solidale Piacenza Onlus, costituita per garantirne il funzionamento operativo. Associazione che coinvolge Caritas, Croce Rossa, Svep e Comune di Piacenza.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Fondazione, Comune di Piacenza e Caritas Diocesana e dopo una approfondita fase di studio e di verifiche comparative con altre strutture già operanti in regione. Consentirà di aiutare le fasce di popolazione più deboli e di dare un’organizzazione comune a tante attività di assistenza e solidarietà fino ad oggi offerte da realtà diverse, senza una forma di coordinamento.

Attualmente, nella sola regione Emilia Romagna, sono presenti oltre una ventina di empori solidali: alcuni attivi da diversi anni, altri in fase di realizzazione.

In Italia sono circa settanta. Sono strumenti innovativi nella lotta alle povertà di tantissime famiglie. Organizzati come un “vero” supermercato con scaffali e prodotti alimentari e non, propongono prodotti a costi calmierati nei quali è possibile fare la spesa utilizzando una tessera a punti nominale precaricata (in base al numero di componenti del nucleo famigliare).

“Oltre a dare risposta ai bisogni primari di approvvigionamento – spiegano i promotori -, l’Emporio offre anche – e soprattutto – assistenza e ascolto da parte dei volontari: consulenze e orientamento sulla risoluzione di problematiche sociali, sanitarie e lavorative intendono offrire – grazie alla rete dei servizi socioassistenziali pubblici e privati – una adeguata progettazione individuale per superare lo stato di difficoltà”.

Il nuovo Emporio Solidale di Piacenza, accoglierà oltre al supermercato, anche la sede dello Svep (centro di servizio per il volontariato) ed uno spazio dedicato al riuso del mobilio, in accordo con la Caritas diocesana.

Tra i presenti anche Sergio Danese, ex presidente Auser, che molto si è speso per la realizzazione del progetto.

IL SERVIZIO DI ELENA CAMINATI (ZERO523)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.