PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Ferriere e Albarola due nuovi impianti di depurazione

Più informazioni su

Bologna – Tre impianti di depurazione di ultima generazione, di cui due nel piacentino e uno nel reggiano, interventi per aumentare e “svecchiare” la rete fognaria nel bolognese e, infine, nuovi pozzi e tratti di rete idrica, sempre nel piacentino, per un servizio di distribuzione dell’acqua più efficace ed efficiente.

Con circa 4 milioni 100 mila euro, la Regione Emilia-Romagna ha approvato per un pacchetto di interventi che saranno realizzati entro l’anno e che andranno a risolvere le criticità aperte dall’alluvione del 13 e 14 settembre 2015 che aveva spazzato via i depuratori di Albarola, in comune di Vigolzone, e di Ferriere nel piacentino e per altri interventi nel bolognese e a Reggio Emilia. I fondi provengono da economie di spesa, ossia da risparmi su precedenti programmazioni già concluse.

In particolare, al territorio di Piacenza sono stati assegnati 2,8 milioni di euro per due nuovi depuratori e per interventi negli acquedotti, nel bolognese sono previsti lavori sulla rete fognaria con un investimento pari a 1 milione e 100 mila euro, infine a Reggio Emilia va un contributo di 210mila euro per la depurazione delle acque.

“La Regione ha svolto un’attenta ricognizione delle risorse risparmiate per finanziare una nuova serie di lavori, particolarmente attesi in particolare dalle comunità dove il maltempo aveva prodotto danneggiamenti o aveva distrutto impianti esistenti che potranno essere ricostruiti ancora più efficienti di prima – afferma l’assessore regionale all’ambiente, Paola Gazzolo.

“Si conferma l’impegno dell’Emilia-Romagna per migliorare il servizio idrico, anche con la riduzione delle perdite di rete, e garantire elevati livelli di depurazione dei reflui urbani: un’attenzione riconosciuta anche dall’Europa. La nostra è infatti l’unica Regione in Italia, insieme al Molise, ad essere stata promossa a pieni voti con l’esclusione dalla recente condanna della Corte di Giustizia dell’Unione Europea sul mancato raggiungimento degli obiettivi di qualità nella depurazione per i centri abitati con più di 2500 abitanti equivalenti”.

“Vogliamo continuare e anche i nuovi cantieri finanziati si inseriscono in questa strategia-conclude Gazzolo-. L’obiettivo condiviso con Atersir ed i soggetti gestori delle reti è ora quello di concentrarsi sugli abitati più piccoli, con meno di 2 mila abitanti equivalenti”.

Gli interventi nel piacentino – 
E’ previsto un contributo regionale ad Ireti – il soggetto gestore del servizio idrico integrato – di 2 milioni 800 mila euro. Saranno investiti in due nuovi depuratori: a Ferriere (517 mila 500 euro) e ad Albarola, in comune di Vigolzone (160 mila 500 euro), in sostituzione a quelli danneggiati o distrutti dall’alluvione del 2015.

Si interverrà anche per il rifacimento della dorsale acquedottistica della val Nure nei comuni di Ferriere, Farini, Bettola, Ponte dell’Olio e Vigolzone. In particolare, l’elenco dei tratti interessati comprende Ponte Farini – Ponte Cantoniera, Ponte Nano – Ponte Cantoniera, Case Camia – Bettola, oltre che dell’attraversamento del Nure a Ponte dell’Olio nel tratto Torrano-Calero. L’opera potrà contare su un finanziamento di oltre 2 milioni di euro.

Due nuovi pozzi per l’approvvigionamento idrico saranno realizzati a “Le Forche“, in comune di Bettola e a “Borcaglie-Sassi Neri“, in comune di Farini (55 mila euro ciascuno).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.