PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gare femminili classe 1 come un mondiale estivo

Da quando la 6 Giorni delle Rose di Fiorenzuola (che al Velodromo “Attilio Pavesi” scatta mercoledì, 4 luglio, e si conclude lunedì 9) ha modificato la sua formula, affiancando alle tradizionale gare a coppie di cquelle di classe 1 Uci (che assegnano punti per la qualificazione a Mondiali e Olimpiadi), le prove riservate alla categoria femminile hanno sempre espresso un livello qualitativo altissimo.

Una caratteristica che verrà ulteriormente rimarcata in questa edizione, dove a Fiorenzuola (Piacenza) correranno atlete e Nazionali che, per il loro palmarès e prestigio, renderanno le varie gare molto simili ad una sorta di campionato del mondo “estivo” del ciclismo su pista.

LE PROTAGONISTE – Torna la grande protagonista della passata edizione, la britannica Katie Archibald, attuale campionessa del mondo della madison, che nel palmarès ha altri due titoli iridati oltre ad un oro olimpico nell’inseguimento a squadre.

Medaglia che ha conquistato a Rio 2016, con la formazione di cui faceva parte anche Elinor Barker, anch’ella con tre mondiali in bacheca e iscritta a Fiorenzuola. La nazionale della Gran Bretagna schiera pure le giovani Manon Lloyd ed Emily Kay, che hanno già messo al collo medaglie agli Europei, ai Giochi del Commonwealth e in coppa del mondo.

Altra nazionale di riferimento sarà quella australiana, che torna a Fiorenzuola dove già era stata protagonista e lo fa le sue atlete di punta: ci sarà Annette Edmondson, due mondiali in carriera (entrambi nel 2015: omnium e inseguimento a squadre) e un bronzo olimpico a Londra 2012 nell’omniu. Con lei anche Ashlee Ankudinoff, iridata nel 2010 nell’inseguimento a squadre, Georgia Baker e Alexandra Manly (un argento e un bronzo ai mondiali 2017, un oro agli ultimi Giochi del Commonwealth, quest’anno, nel quartetto, con Ankudinoff ed Edmondson).

Anche la Nazionale italiana si presenta a Fiorenzuola per fare bene, come del resto avvenuto anche negli anni scorsi, e per farlo schiera tutte le sue più forti specialiste: dalle pluricampionesse mondiali ed europee Juniores Letizia Paternoster ad Elisa Balsamo, dall’oro iridato dello scratch 2017 Rachele Barbieri alla campionessa italiana su strada Marta Cavalli.

Saranno undici in tutto le azzurre in gara. Dalla Repubblica Ceca arriveranno l’ex campionessa del mondo della corsa a punti Jarmila Machacova e Lucie Hochmann, mentre la Russia schiererà sette atlete fra cui la pluricampionessa europea Evgenia Augustinas. Due atlete in gara per la Germania, fra cui la promettente Tatjana Paller, oro europeo nel 2017 della corsa a punti tra le Under 23. In totale sono 43 le iscritte, con rappresentanti anche di Spagna, Spagna, Irlanda, Norvegia e Nuova Zelanda.

LE GARE – Nella prima serata (4 luglio, che tra l’altro si concluderà con uno spettacolo di fuochi d’artificio musicali) toccherà alle Under 23 sfidarsi nell’inseguimento individuale, dopodiché spazio alle Elite: giovedì sera sarà la volta dello scratch, mentre venerdì sera toccherà alla corsa a punti, poi sabato spazio alle quattro prove dell’omnium (le prime tre nel tardo pomeriggio, la corsa a punti finale invece in prima serata). Domenica infine si correrà la madison, mentre nell’ultima sera (9 luglio) spazio solo alle gare della 6 Giorni delle Rose maschile a coppie.

La manifestazione è ad ingresso gratuito tutte le sere, mentre per chi non potrà essere al Velodromo Pavesi, sarà a disposizione il live streaming sul canale Youtube“6giornidellerose”, sulla pagina Facebook “6 Giorni delle Rose – Fiorenzuola” e sul sito www.fiorenzuolatrack.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.