PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inseguimento, il questore: “Operazione condotta con professionalità e sangue freddo” fotogallery

“Per fortuna nessuno si è fatto male, è stata un’azione condotta con altissima professionalità, tenacia, determinazione e capacità tecniche. Perché fare un inseguimento nel centro cittadino per diversi chilometri evitando che qualcuno si facesse male non è una cosa da poco”.

Inseguimento e schianto in viale Martiri della Resistenza

Il questore di Piacenza, Pietro Ostuni, ha voluto dare pubblicamente merito agli agenti che hanno arrestato due cittadini cinesi dopo un folle inseguimento in città.

“Questi erano determinati a scappare, – ha precisato Ostuni – tanto che hanno tentato di speronare un paio di volte le nostre volanti, i cui componenti non hanno perso la calma fino a quando il conducente della vettura ha perso il controllo fino allo schianto contro un albero.

I nostri agenti non hanno sbagliato nulla e hanno dato prova di un grande sangue freddo: insospettiti dalla manovra sospetta eseguita dall’auto, un’inversione, e dal fatto che uno dei due si trovasse nel sedile posteriore e non davanti, di fianco al guidatore”.

Le due persone di nazionalità cinese sono in ospedale in prognosi riservata – ha precisato Ostuni – ma non corrono pericolo di vita, sono stati tratti in arresto.

inseguimento polizia

Gli accertamenti sono ancora in corso e il questore non si è voluto sbilanciare riguardo alle indagini in corso. Di certo si sa che i due avrebbero rapinato un connazionale, residente a Pavia dove la moglie è titolare di un pubblico esercizio, nella tarda serata del 15 luglio.

L’uomo sarebbe giunto a Piacenza, fermandosi nel parcheggio della stazione a bordo della propria auto. Qui sarebbe stato avvicinato dai due, che lo avrebbero aggredito, ferendolo al volto, e immobilizzandolo con del nastro adesivo.

I due si sono poi allontanati con l’auto del rapinato e con i soldi che aveva con se’, circa 30mila euro in un marsupio, cifra che doveva essere trasferita ai parenti in Cina, ha spiegato la vittima agli inquirenti. La fuga dei rapinatori si è poi, però, conclusa rapidamente: al momento si trovano in ospedale, uno dei due è in prognosi riservata e l’altro invece se la dovrebbe cavare in 30 giorni.

Entrambi sono in stato di arresto con l’accusa di rapina e resistenza, e devono ancora essere identificati: non avevano infatti documenti con se’ e non sono mai stati fotosegnalati. Sull’auto non sono state trovate armi.

«Bravi i poliziotti che hanno fermato i rapinatori» – «Bravi. Grazie alla vostra tenacia e al vostro coraggio avete dimostrato ancora una volta quanto sia centrale il ruolo delle Forze dell’ordine per garantire la sicurezza dei cittadini». I parlamentari della Lega, Elena Murelli e Pietro Pisani, si complimentano con i poliziotti della Squadra Volante che, dopo un inseguimento in città in cui le Pantere sono anche state speronate, hanno fermato due persone accusate di rapina.

«Nel programma di governo della Lega – continuano Murelli e Pisani – nel comparto sicurezza c’è un capitolo dedicato alle Forze di polizia, ai tagli del personale e al sovraffollamento delle carceri. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha ben presente la situazione e presto interverrà anche su questo fronte, per ridare dignità a chi svolge una professione così essenziale per la comunità».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.