PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Propone l’erba alla stazione dei bus, 18esimo arresto per spaccio delle volanti

 

Propone l’erba alla stazione degli autobus di Piacenza, 18esimo arresto delle volanti per spaccio.

In manette è finito un 29enne nigeriano, incensurato, fermato nel pomeriggio dell’11 luglio in città, nella zona di via dei Pisoni.

Gli agenti, di passaggio nella zona, hanno notato lo straniero, in compagnia di altre due persone, staccarsi improvvisamente dal gruppetto per avvicinare un ragazzo che stava dirigendosi ai pullman.

Un comportamento sospetto, che si è accentuato quando ha indicato al giovane lo zaino che portava in spalla, come sottintendendo che lì custodisse qualcosa che potesse interessargli. Il tentativo di scambio non è però andato in porto; i poliziotti hanno avvicinato il ragazzo, il quale ha confermato loro che lo sconosciuto gli aveva offerto di acquistare della marijuana.

A quel punto è scattato il controllo e il 29enne è stato identificato e perquisito. Dentro lo zaino hanno trovato un calzino, con avvolti all’interno 9 dosi dello stupefacente, ritrovamento che ha portato al suo arresto.

Si tratta del 18esimo eseguito dal secondo turno delle volanti per questa tipologia di reato a partire da novembre dello scorso anno, nell’ambito dei servizi volti proprio a contrastare il fenomeno del microspaccio e del consumo di droga tra giovani e giovanissimi.

I soggetti finiti nei guai sono prevalentemente di origine straniera: tre marocchini, tre albanesi, due italiani e i restanti provenienti da Mali, Ghana, Senegal e Nigeria. In totale sono state sequestrate circa 250 dosi, tra marijuana (la maggior parte), hashish e cocaina, per un valore di mercato di circa 5mila euro.

L’attenzione delle volanti si è concentrata di volta in volta sulle zone più colpite dalla compravendita di droga, quali i giardini Margherita e Merluzzo, via Pozzo, via Negri, via Torricella, via Pozzo e via Alberoni, spesso teatro anche di risse o episodi di degrado.

Un presidio che si è fatto più costante e mirato anche per dare una risposta alla richieste dei cittadini e garantire loro maggiore sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.