PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

e-QBO torna a Piacenza. Dal 24 agosto l’installazione sarà posizionata in stazione

e-QBO, simbolo di tecnologia e design ideato dalla società T-RED e dall’architetto Romolo Stanco, torna a Piacenza.

Esposto per la prima volta in piazza san Fedele tra i mesi di aprile e maggio 2012 come installazione collaterale al Salone del Mobile, dal giugno e ottobre 2014 e-QBO, con il patrocinio del Comune di Piacenza, è stato installato in Piazza Cavalli a Piacenza e messo a disposizione della città come spazio urbano open per conferenze, seminari, presentazioni, concerti, eventi teatrali.

Ora sta per tornare in città, grazie all’accordo raggiunto tra la società che lo ha realizzato e l’amministrazione comunale. Proprio il vice sindaco Elena Baio ha presentato la proposta in Giunta.

Il Comune ha accolto la proposta di T-RED, che metterà a disposizione la struttura e-QBO a titolo gratuito, collocata a sua cura e spese in Piazzale Marconi, di fianco alla stazione ferroviaria dal 24 agosto 2018 al 31 ottobre 2018, periodo eventualmente prorogabile a richiesta di TRED e previo assenso dell’Amministrazione.

LA STRUTTURA e-QBO è una installazione che coniuga l’architettura, il design, l’arte urbana, e componenti tecnologiche e di ricerca.

Si tratta della prima isola energetica off-grid in grado di accumulare energia in modo autonomo, senza essere collegata alla rete elettrica e restituirla sotto ogni forma di alimentazione immaginabile.

e-QBO è un concept ideato e disegnato da Romolo Stanco, con la supervisione scientifica di RSE – Ricerca sul Sistema Energetico e un intervento di streetart work & videomapping performance a cura di Mitja “V3rbo” Bombardieri, già autore di interventi di riqualificazione sul tessuto urbano milanese.

e-QBO nasce come un progetto flessibile e modulare adattabile a funzioni differenti come shop temporanei, piccole aree di ristoro o bar, corner informativi o spazi per esposizioni o eventi temporanei.

Dimensionando correttamente le necessità energetiche, e-QBO è in grado di accumulare ed utilizzare l’energia solare tramutandola in energia elettrica ed essere completamente autosufficiente e svincolato da ogni collegamento con reti fisse. Si tratta di un architettura di forma pura che dialoga con le architetture storiche della città. Una sorta di serbatoio di energia che immagazzina energia durante il giorno restituendola alla città in diverse forme: ricarica per veicoli elettrici, ricarica per dispositivi elettronici, illuminazione pubblica, un punto bar/ristoro, un information point, un temporary shop o un ambiente di ospitalità con funzionalità integrate.

IL PROGETTO – L’iniziativa rientra nel Progetto Urban Hub – Industrie Creative Innovative Piacenza, approvato e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, di cui il Comune è partner insieme a TRED s.r.l. e a Piacenza Expo S.p.A, Confcooperative Unione Provinciale di Piacenza, Consorzio Sol.co Piacenza s.c.r.l., Agrisilva s.c.r.l., Conservatorio di Musica Giuseppe Nicolini, Università Cattolica del Sacro Cuore, DAStU Dipartimento Architettura Studi Urbani. Polo Territoriale di Piacenza. Politecnico di Milano, Consorzio di Bonifica di Piacenza.
L’eQBO è un’installazione urbana frutto di una sintesi tra architettura e ricerca in campo energetico, in grado di accumulare energia grazie alla struttura fotovoltaica e di restituirla sotto forma di servizi per i cittadini.

L’eQBO rappresenta il simbolo dell’Urban Hub e come recita il progetto “costituisce uno strumento di comunicazione esterna della mission di HUB, di promozione della creatività e dell’innovazione, oltre che del sistema delle imprese dell’HUB. Può essere installato periodicamente in diverse aree della città in coincidenza con eventi e manifestazioni. Può essere installato anche su localizzazioni diverse, costituendo un possibile elemento di promozione o di funding dell’HUB”.
L’iniziativa risulta essere coerente con le finalità indicate all’art.3 dello Statuto Comunale, in quanto consente tra l’altro, di promuovere il territorio attraverso un veicolo culturale innovativo, attuale, versatile, sostenibile, capace di attirare l’attenzione e coinvolgere chiunque si trovi a interagire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.