PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quarti infuocati nella gelida Russia. Brasile e Croazia favorite, ma occhio alle outsider

Più informazioni su

Il 6 luglio si apriranno i quarti di finale di questa Coppa del Mondo piena di soprese. Infatti sia le fasi a gironi che gli ottavi hanno fatto vittime illustri, lasciando ormai solamente otto squadre e alcune inaspettate.

Ci saranno le sfide di “lusso” Uruguay-Francia e Brasile-Belgio, e match dall’esito completamente incerto come quello che vedrà opposti i padroni di casa della Russia alla Croazia, squadra quest’ultima in grado di produrre un ottimo calcio, superiore addirittura alle aspettative.

Anche la Svezia ha proseguito un ottimo percorso iniziato con l’eliminazione dell’Italia alle qualificazioni, continuato poi con un primo posto nel girone ai danni dei Campioni del Mondo in carica e con una vittoria sofferta contro un’ottima Svizzera, rivelatasi squadra solida e capace di mettere in difficoltà anche formazioni più blasonate come quella verdeoro. A sfidare la formazione gialloblu sarà l‘Inghilterra trascinata da un implacabile Harry Kane, che con 6 goal guida la classifica capocannonieri di questo mondiali.

Sulla carta il quarto di finale che potrebbe regalare maggiori emozioni è quello che vedrà di fronte la nazionale brasiliana e quella dei “Diavoli Rossi” del Belgio (venerdì 6 luglio, ore 20), soprattutto per la potenza di fuoco di entrambi gli attacchi. Se da una parte ci sono fenomeni del calibro di Neymar, Coutinho e Gabriel Jesus, dall’altra non sono da meno Lukaku, Hazard e De Bruyne.

Per questo si prevede una sfida ad alta quota con due formazioni che ambiscono alla vittoria finale. La squadra favorita per il passaggio del turno resta però il Brasile, che può contare anche su un centrocampo e una difesa di tutta affidabilità, mentre la retroguardia del Belgio – come già evidenziato nella gara contro il Giappone vinta per 3-2 – appare tutt’altro che impenetrabile.

L’altra sfida più interessante metterà a confronto la nazionale uruguayana di Suarez e Cavani contro quella francese di Mbappe e Griezmann (venerdì 6 luglio, ore 16). Sarà una sfida tutta da seguire, con la migliore difesa di questo mondiale, ossia quella composta dai due centrali uruguayani Gimenez e il capitano Godin, contro l’attacco francese, fra i migliori del torneo. A fare la differenza in questa partita potrebbe essere l’assenza del bomber Cavani, “giustiziere” del Portogallo ma uscito anzi tempo per un infortunio muscolare. Per questo l’ipotesi dei tempi supplementari è molto quotata, anche se la partita potrebbe anche essere decisa nei ’90 regolamentari da una giocata di uno dei tanti campioni presenti nelle due nazionali.

Al lato opposto del tabellone si giocherà la sfida tra i padroni di casa della Russia e la forte Croazia (sabato 7 luglio, ore 20). Per i padroni di casa, forti del successo sulla formazione iberica ai rigori, questo quarto di finale arriva nel momento migliore dal punto di vista del morale. Il sogno di tutta la nazione è quello di riuscire a raggiungere le semifinali, traguardo a cui nessuno all’inizio del torneo avrebbe mai sperato; ora tutti ci credono e sono più carichi che mai.

A fronteggiarli la squadra più in forma di questo torneo, capace di vincere tutte le partite disputate finora e che può contare su uno stile di gioco efficace e propositivo, grazie soprattutto a un centrocampo di pregevole qualità guidato dal madridista Modric e dal blaugrana Rakitic. I favori del pronostico sono tutti dalla parte dei croati, ma il popolo russo spera in un’altra impresa di cuore e carattere.

L’ultima sfida (sabato 7 luglio, ore 16) vede un’Inghilterra in cerca di conferme misurarsi con una Svezia solida e consapevole dei propri mezzi. L’uomo copertina inglese è sicuramente l’attaccante e capitano Harry Kane, che dovrà trascinare l’intera squadra a una vittoria che sembra tutt’altro che scontata. Dal canto loro gli svedesi punteranno sulla difesa con il roccioso capitano Granqvist a guidare l’intera retroguardia, sperando in una giocata del numero dieci Forsberg.

La bilancia pende in favore dei “Leoni” inglesi che però si dovranno guadagnare sul campo l’ingresso in semifinale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.