PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ricci Oddi “Bando per nuovo direttore-manager. Dal Comune segnale ma non basta”

Nel 2019 la Galleria d’arte moderna “Ricci Oddi” di Piacenza avrà un nuovo direttore che verrà scelto attraverso un bando “aperto” per individuare una figura esterna all’amministrazione comunale.

Lo lascia intendere il presidente della Galleria Massimo Ferrari. Il mandato del precedente direttore, Maria Grazia Cacopardi – dirigente del Comune di Piacenza – è infatti scaduto il 30 giugno scorso e fino a fine anno una figura pro tempore ricoprirà quel ruolo.

“La nostra intenzione in questi mesi – afferma Ferrari – è di allestire un bando per individuare un nuovo direttore, con determinate carattersitiche.

Basti pensare a cosa è accaduto al vertice dei più grandi musei italiani, dove sono approdate figure importanti con precise qualità manageriali, anche per la Galleria faremo un ragionamento in questo senso”.

Ferrari commenta anche la vicenda dello stanziamento deciso dall’amministrazione comunale per sostenere la Galleria: 30mila euro che una nota del consiglio della Ricci Oddi definisce “non sufficiente”.

“E’ un segnale positivo ma non basta per risolvere i problemi della Galleria – spiega Ferrari – voglio ringraziare il sindaco Barbieri e l’assessore Passoni che hanno mostrato di prendere a cuore le sorti della Ricci Oddi”.

“E tuttavia come abbiamo ribadito come consiglio di amministrazione – prosegue – 30mila euro bastano a malapena per la gestione ordinaria evitando di creare un buco di bilancio, ma non sono sufficienti al rilancio da noi auspicato”.

“Quanto all’impianto di condizionamento da anni richiesto – precisa – il progetto vale circa 600mila euro e non possiamo iniziare alcuna installazione con una quota di risorse così esigua”.

LA NOTA – Il Consiglio di amministrazione della Galleria d’arte “Ricci Oddi” di Piacenza interviene con una nota sul recente stanziamento di 30mila euro inserito dall’amministrazione comunale di Piacenza nell’assestamento di bilancio, la “manovrina” di metà anno.

“La somma erogata, ben al di sotto degli impegni che il Comune di Piacenza deve sostenere per la Galleria stessa secondo lo Statuto approvato, non è nemmeno sufficiente a garantire una efficace amministrazione corrente”.

Ecco la nota integrale.

Il Presidente e il Consiglio di Amministrazione della Galleria Ricci Oddi, a proposito della notizia relativa al minimo aggiustamento di bilancio che il Comune di Piacenza ha operato in favore della Galleria, tengono a precisare che la somma erogata, ben al di sotto degli impegni che il Comune di Piacenza deve sostenere per la Galleria stessa secondo lo Statuto approvato, non è nemmeno sufficiente a garantire una efficace amministrazione corrente.

Tale cifra, che non copre neppure il preventivo di bilancio 2018, a suo tempo presentato al Comune, è evidente che non potrà in alcun modo essere utilizzata per qualsiasi iniziativa promozionale della Galleria Ricci Oddi che richiederebbe risorse a ciò destinate, né tanto meno al progetto per un impianto di condizionamento – tanto auspicato – per il quale sarebbero necessari ben altri impegni economici.

Ricordiamo che una parte della maggioranza di centrodestra, i Liberali Piacentini, hanno preso posizione contro l’assessore comunale al bilancio Paolo Passoni per la scelta di stanziare una cifra così esigua, chiedendo una verifica del programma alla giunta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.