PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Successo per il teatro nelle frazioni: 2500 spettatori in quattro sere

Più informazioni su

Hanno fatto centro a Piacenza gli “Itinerari di Teatro”, cartellone di spettacoli di strada, giocoleria, clownerie, bolle di sapone, circo e tanto altro proposto da Comune di Piacenza, Fondazione Teatri di Piacenza e Teatro Gioco Vita con il sostegno di Iren.

Una rassegna con la quale, come aveva spiegato il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri nella presentazione del programma, “l’Amministrazione comunale vuole aprire un nuovo percorso estivo caratterizzato dall’idea di un teatro che abbraccia tutta la città, uscendo dai luoghi fisici deputati allo spettacolo dal vivo per incontrare il suo pubblico là dove vive nel quotidiano. Un pubblico fatto di famiglie, di bambini, di anziani, di spettatori piccoli e grandi, che in questa estate 2018 resteranno in città e potranno ritrovarsi nei quartieri e nelle frazioni di Piacenza grazie a quell’esperienza unica che è il teatro”.

Possiamo dire che l’obiettivo è stato pienamente raggiunto: più di 2.500 spettatori per le quattro serate – dei cinque appuntamenti previsti – che si sono svolte nel mese di giugno alla Besurica, a Vallera, Borgotrebbia e Roncaglia. L’ultima tappa a Pittolo, che non si è potuta tenere nella data programmata a luglio a causa del maltempo, sarà recuperata martedì 4 settembre.

“Nelle estati passate – sono le parole del direttore artistico di Teatro Gioco Vita Diego Maj – abbiamo privilegiato il centro di Piacenza con gli spettacoli pomeridiani sul Facsal. Questa nuova idea del decentramento teatrale nei quartieri periferici e nelle frazioni è stata veramente un’ottima intuizione del sindaco Patrizia Barbieri: lo dimostrano il numero degli spettatori, le tante famiglie che hanno assistito agli spettacoli anche grazie all’orario serale, il fatto che gran parte del pubblico abbia seguito le varie tappe della rassegna”.

“Abbiamo visto assistere agli spettacoli diverse famiglie che già seguono le rassegne di teatro ragazzi da noi proposte, ma anche moltissimi nuovi spettatori che ci auguriamo di ritrovare anche nella stagione invernale nei nostri teatri”.

Gli “Itinerari di Teatro” hanno preso il via alla Besurica nel cortile della Parrocchia di San Vittore alla Besurica con Michele Cafaggi, il mago delle bolle di sapone, che ha presentato “Fish & Bubbles”, uno spettacolo di clownerie, giochi con l’acqua e bolle di sapone giganti.

Seconda tappa a Vallera nell’anfiteatro di via Antonini Zambelli con Nando & Maila in scena con “Sconcerto d’amore” – le acrobazie musicali di una coppia in dis-accordo. Uno spettacolo che ha utilizzato tecniche di circo (giocoleria, trapezio, tessuti aerei) e musica dal vivo. Pubblico molto numeroso anche a Borgotrebbia, dove è andato in scena “I giullari ciarlatani” di Francesco Checco Tonti, uno spettacolo di teatro di strada, giocoleria, equilibrismo e fuoco con un canovaccio esilarante.

Il quarto appuntamento si è tenuto a Roncaglia nel campo sportivo della Parrocchia di San Bartolomeo Apostolo con i burattini tradizionali: in cartellone “…E vissero felici e contenti” con I Burattini di Cortesi, uno spettacolo di burattini di tradizione popolare e allo stesso tempo una favola dalla trama classica e avvincente.

L’ultima serata si terrà a Pittolo martedì 4 settembre nel cortile della Parrocchia di Sant’Antonino Martire (via Galilei 40), sempre alle ore 21: appuntamento con “La Famiglia Mirabella” della compagnia Il teatro viaggiante, spettacolo di circo e teatro di strada. La data del 4 settembre è stata scelta dagli organizzatori anche perché sarà una sorta di “anteprima” della festa parrocchiale in programma nei giorni successivi.

Un programma, quello di “Itinerari di Teatro” 2018, reso possibile da molteplici sinergie tra Comune di Piacenza, Fondazione Teatri, Teatro Gioco Vita e Iren con parroci e volontari delle Parrocchie di San Vittore (Besurica), San Bartolomeo Apostolo (Roncaglia), Sant’Antonino Martire (Pittolo) e comitati, associazioni e gruppi di cittadini di Vallera, Borgotrebbia e Roncaglia.

E L’edizione 2018 vuole essere un inizio: “Nelle prossime estati – come scriveva ancora il sindaco di Piacenza nella presentazione – la rassegna continuerà per portare lo spettacolo dal vivo in un originale viaggio teatrale destinato a coinvolgere anche altri quartieri e frazioni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.