PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Suo figlio è in arresto, deve pagare 3mila800 euro”, 76enne sventa il raggiro

Più informazioni su

“Suo figlio è in arresto, deve pagare 3mila800 euro di cauzione”, 76enne di Piacenza sventa il raggiro telefonico.

Un esempio di come la costante attività di informazione portata avanti dalle forze dell’ordine sia fondamentale per prevenire il diffuso e odioso fenomeno delle truffe agli anziani.

Ignoti il 4 luglio, verso le 12, hanno telefonato a casa dell’anziano, residente nella zona di via Vitali, qualificandosi come presunti carabinieri e affermando che suo figlio si trovava in caserma, in stato di fermo. Per liberarlo, a loro dire era necessario pagare una cauzione di 3mila 800 euro (ricordiamo ai lettori che la cauzione in Italia non esiste).

Alla prima chiamata ne è seguita una seconda, questa volta direttamente dal presunto maresciallo che aveva in custodia il figlio; il 76enne ha capito che si trattava di malintenzionati, e, dopo averli mandati a quel paese, ha avvertito la polizia.

Gli agenti delle volanti sono poi intervenuti sul posto per raccogliere la sua testimonianza e avviare gli accertamenti.

La Questura annuncia che proseguiranno che gli incontri rivolti alla terza età proseguiranno anche nei prossimi mesi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.