PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

#Thisability, progetto di integrazione (e spritz) al Ponticello Beach di Castelvetro

#Thisability, progetto di integrazione che unisce Piacenza e Cremona, entra nel vivo al Ponticello Beach di Castelvetro.

Ogni martedì di luglio, a partire dal 10, il personale in forze alla struttura si arricchirà della presenza di ragazzi disabili. Ciascuno di loro, in base alle proprie capacità, darà una mano a preparare l’aperitivo della serata.

Ed è proprio questo il senso del gioco di parole rappresentato da #Thisability: se la pronuncia in italiano rimanda a disabilità, in inglese significa “questa abilità”.

L’iniziativa nasce da una proposta dell’associazione cremonese Compagnia delle Griglie, da sempre pronta a sostenere iniziative di carattere sociale.

Dopo la festa di apertura, tenutasi al Ponticello Beach, ora #ThisAbility prosegue con gli aperitivi del martedì, con l’obiettivo di creare un vero e proprio team di lavoro, da impiegare in catering ed eventi, come la Maratonina di Cremona.

I ragazzi disabili coinvolti sono poco più di una dozzina, di cui 5 della provincia di Piacenza, seguiti dai servizi dell’Unione dei Comuni della Bassa Valdarda.

“Ponticello Beach apre ogni estate per tre mesi, lungo un’area che si trova vicino al Grande Fiume, non distante da dove, 50 anni fa, i nostri genitori venivano a fare il bagno quando il Po era balneabile – racconta Michele Rovescalli, vice presidente dell’associazione Castelvetro Piacentino Beach che gestisce la struttura -. Ora chi viene qui può giocare a calcio, riposarsi nel verde attrezzato con lettini e ombrelloni, usufruire della nostro bar/punto ristoro e trascorrere serate con buona musica per tutti i gusti”.

“Quest’anno abbiamo deciso di aderire al progetto #ThisAbility perché è un opportunità importante, un servizio per il nostro territorio. Ci tengo a sottolineare che il coinvolgimento di questi ragazzi è avvenuto dopo un’adeguata preparazione, grazie al supporto di educatori. Daranno il proprio contributo in base alle proprie capacità e inclinazioni, in un’ottica di inclusione”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.