PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A tre anni dall’alluvione, Bertani (M5s): “Regione completi i risarcimenti”

A TRE ANNI DALL’ALLUVIONE NEL PIACENTINO, BERTANI (M5S): “REGIONE COMPLETI I RISARCIMENTI. CITTADINI OSTAGGIO DI UNA BUROCRAZIA AL RALLENTATORE” – La nota stampa

Andrea Bertani ha presentato una interrogazione sulla situazione nelle località della provincia di Piacenza colpite dall’alluvione di settembre 2015: “Non è tollerabile, a distanza di quasi tre anni non aver ancora completato i risarcimenti dovuti”.

“Malgrado siano passati quasi tre anni dall’alluvione, siano state rese disponibili le risorse, sia stata definita la procedura, siano state presentate le richieste, siano state istruite e valutate le domande, siano stati approvati gli elenchi delle imprese ammissibili ai contributi per i danni subiti, ancora risulta che in moltissimi casi non sia stato erogato quanto stabilito”.

È questa la constatazione di Andrea Bertani contenuta in una interrogazione presentata alla Giunta sul mancato completamento dei risarcimenti a cittadini ed aziende danneggiate.

“Una situazione critica che rasenta l’incredibile – spiega Andrea Bertani – E’ stato svolto un iter complesso ed articolato che ha portato nella primavera del 2018 all’approvazione di diverse determinazioni dirigenziali dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, che facevano seguito alla specifica delibera di Giunta regionale la 1021 del 10 luglio 2017”. Nella sua interrogazione Andrea Bertani ripercorre tutte le tappe che, dai giorni dell’alluvione, passando per le dichiarazioni dello stato di calamità naturale e le relative ordinanze di Protezione civile hanno portato alla stima e denuncia dei danni, fino alle relative richieste di risarcimento.

“In questi territori dell’Appennino è già difficile e complicato, normalmente, vivere e portare avanti le attività produttive – conclude Andrea Bertani – e che la burocrazia rallenti, ancora una volta, la ripartenza del tessuto economico e sociale di una zona così fragile del nostro territorio è inspiegabile, oltre che intollerabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.