PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bleech Festival, un’esplosione di musica tra la Cavallerizza e il monastero di Sant’Agostino

Un’esplosione di musica e di cultura giovanile: tutto questo è il Bleech Festival in procinto di tornare a Piacenza per il quarto anno, con la collaudata formula, in grado di attirare in città 12 mila visitatori nell’edizione 2017.

Tre le serate che si svolgeranno il 31 agosto, il primo e il 2 settembre, tra il parco della Cavallerizza (area market e streetfood) e l’area dell’ex monastero Sant’Agostino (location concerti) messa a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Il programma è stato presentato a palazzo Rota Pisaroni da Riccardo Covelli e Filippo Zanelli, di Propaganda 1984 realtà che cura l’organizzazione del Festival, e dall’assessore Filiberto Putzu.

La qualità delle proposte musicali è sempre stato il tratto distintivo del Bleech Festival: lo scorso anno ha portato sul palco di Piacenza 6 Dischi d’Oro, e l’obiettivo del 2018, grazie al sostegno ottenuto dal bando “Giovani Progetti” e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, è di riuscire ad attirare un numero sempre maggiore di appassionati, complice la possibilità di utilizzare una location di grande fascino, come il chiostro dell’ex monastero Sant’Agostino come area concerti.

“Interessante questa partnership che ha portato l’utilizzo del monastero – sottolinea l’assessore Filiberto Putzu -. Siamo alla ricerca, come amministrazione comunale, di soggetti come voi in grado di portare innovazione e freschezza nella nostra città. Il nostro auspicio è che l’acustica non sia troppo impattante, e rivolgiamo al pubblico la raccomandazione di utilizzare il parcheggio della Cavallerizza, evitando di lasciare l’auto lungo lo Stradone Farnese”.

Riccardo Covelli e Filippo Zanelli hanno presentato il programma dell’evento: nel parco della Cavallerizza si terranno i mercati dell’handmade, a cura come al solito di A/Mano, e del vintage, con il coordinamento di Celestina Vintage. Spazio anche ai drink e al cibo, con 12 foodtruck in grado di offrire proposte culinarie per tutti i gusti.

L’area concerti (ingresso a pagamento, per info e acquisti clicca qui) è stata spostata nel chiostro di Sant’agostino: il 31 agosto si alterneranno sul palco masamasa, Generic Animal, Ketama126, Coma Cose, Frenetik & Orang3. Il primo settembre sarà la volta di Tobiah, Typo Clan, Eugenio in Via di Gioia, Colapesce e Ciao!Discoteca Italiana, mentre il 2 settembre chiusura con One Glass Eye, Makai, Diamine, Bianco, Andrea Laszlo.

Tra gli sponsor, oltre a Fondazione di Piacenza e Vigevano, figurano anche LTP e Metronotte Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.