PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bobbio Film Festival, “Nobili bugie”: l’imprevedibile che non ti aspetti foto

Ha colpito nel segno “Nobili bugie” il film di Antonio Pisu in rassegna sabato sera al Bobbio Film Festival che ha intrattenuto il pubblico attento, divertito e, a tratti, sorpreso dall’evoluzione della storia.

Sulle colline di Sasso Marconi, nel 1944, vive la famiglia del duca Pier Donato Martellini (Raffaele Pisu), la duchessa Romola Valli (Claudia Cardinale) e l’immaturo figlio Jean Jacques (Paolo Rossi), al loro fianco una servitù sgangherata ridotta ai minimi termini.

E’ un susseguirsi di avventure e astuzie per sopravvivere all’indigenza; una trama che ha divertito il pubblico non senza sorprese rivelate nel finale con il grande Giancarlo Giannini che ha partecipato con un breve ma intenso ruolo.

Un film a gestione familiare, l’ha definito Ivano Marescotti, nel dialogo al termine della proiezione con Enrico Magrelli; il regista, al suo esordio cinematografico, Antonio Pisu si è trovato a lavorare con il padre, il grande Raffeale Pisu che ha salutato il pubblico di Bobbio con una forza e una carica fuori dal comune e con il fratello ritrovato Paolo Rossi nel ruolo dell’immaturo Jean Jacques oltre che produttore del film.

“E’ stata un’esperienza umanamente e professionalmente unica – ha detto Paolo – ho deciso di produrre questo film perché ci ho creduto fin da subito insieme ad Antonio e Raffaele, ed è soprattutto per lui che ci siamo messi al lavoro. Ma non ci fermeremo qui perché abbiamo deciso di restaurare “Italiani brava gente” del 1965 a cui ha partecipato lo stesso Raffaele”.

“Lavorare con papà, con mio fratello Paolo e con questo cast d’eccezione è stata una fortuna” ha raccontato Antonio Pisu  “sul set non ci sono stati problemi, abbiamo riso tantissimo, è stata per me una grande esperienza. Paolo, mio fratello, in questo ha contribuito fortemente – ha concluso Pisu – mi ha aiutato a sognare in grande”.

IL FESTIVAL – Il Bobbio Film Festival, giunto alla 22 esima edizione, è stato ideato da Marco Bellocchio, ora affiancato nel comitato di direzione artistica da Pier Giorgio Bellocchio, Enrico Magrelli e Paola Pedrazzini.

Una manifestazione che ogni anno si arricchisce grazie alla progettualità della Fondazione Fare Cinema, alla sinergia del Comune di Bobbio e al sostegno del Ministero dei Beni Culturali, Regione Emilia Romagna, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Camera di Commercio di Piacenza.

Questa sera (domenica) la rassegna prosegue con “La terra dell’abbastanza” alle 21.15 al chiostro di San Colombano. Ospiti della serata i registi Damiano e Fabio D’Innocenzo.

Per l’acquisto di biglietti visitare il sito www.comune.bobbio.pc.it, per informazioni sul programma e gli ospiti www.bobbiofilmfestival.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.