PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“A casa di Maria Luigia” visite guidate a Palazzo Mandelli

A settembre riprendono le aperture straordinarie di Palazzo Mandelli, sede della filiale di Piacenza della Banca d’Italia.

Organizzate dalla banca stessa e curate dallo storico dell’arte Alessandro Malinverni, conservatore del Museo Gazzola di Piacenza, le visite si terranno il 15 e il 22 settembre e il 6 ottobre, con due turni: alle 9.30 e alle 11.00.

Saranno precedute da una conferenza a tre voci mercoledì 12 settembre, ore 16.00: la direttrice della filiale, Carmela Lanza, parlerà della Banca d’Italia nel regale Palazzo Mandelli, mentre Malinverni, con Carlo Mambriani, ordinario di storia dell’architettura presso l’Università degli Studi di Parma, tratterà delle Residenze di Maria Luigia. Al termine della conferenza si terrà una visita guidata speciale a due voci.

Palazzo Mandelli fu la residenza ufficiale di Maria Luigia Piacenza, dal 1816. Non potendo occupare né Palazzo Madama né Palazzo Farnese, ormai inutilizzabili, la duchessa fu ospite del marchese Bernardino Mandelli, l’uomo più ricco della città, attivissimo nella beneficenza agli infermi e nel sostegno agli artisti, definito da Pietro Giordani l’«unico Signore che in Piacenza unisca a grande nobiltà e ricchezza un animo veramente signorile, un ingegno elevato e coltissimo, innamorato d’ogni cosa bella, e appassionato ad ogni genere di beneficenza».

Sala della Musica di Palazzo Mandelli riconosciuta da malinvermi

Dell’interno del palazzo all’epoca di Maria Luigia esiste una raffigurazione, “scoperta” da Malinverni: un acquerello, conservato a Parma presso il Museo Glauco Lombardi, e ritenuto sino a poco tempo fa una “sala di soggiorno” del distrutto palazzo ducale di Parma, raffigura secondo Malinverni una delle sale dell’appartamento piacentino della duchessa, precisamente la sala della musica.

La partecipazione alla conferenza e alle visite è gratuita. La prenotazione è però obbligatoria, all’indirizzo mail palazzomandelli@libero.it (indicare nome, cognome, luogo e data di nascita di ogni partecipante).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.