PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Due piccoli italiani” per la serata al Bobbio Film Festival

Dalla Puglia a Rotterdam fino in Islanda tra gioie e disavventure. E’ il filo rosso di “Due piccoli italiani”di Paolo Sassanelli in rassegna al Bobbio Film Festival lunedì 13 agosto alle 21.15 al Chiostro di San Colombano.

La serata proseguirà con un momento di confronto e dibattito a cui parteciperà Paolo Sassanelli nelle vesti di regista e attore.

IL FILM – Il film racconta del rocambolesco viaggio attraverso l’Europa di due amici un po’ naïf, Salvatore (Francesco Colella) e Felice (Paolo Sassanelli), in fuga da un paesino della Puglia, che si ritrovano catapultati a Rotterdam e poi in Islanda.

Per la prima volta nella loro vita scopriranno cosa significa sentirsi vivi e felici. Attraverso qualche disavventura e con l’aiuto della generosa e stravagante Anke (Rian Gerritsen), supereranno le proprie paure e inibizioni.

Saranno travolti dalla vita, scoprendo la gioia di esistere e di provare e ricevere affetto e amore in uno strano triangolo di relazioni tipiche di una ‘famiglia moderna’, bizzarra e rassicurante al tempo stesso. Il viaggio dei protagonisti rappresenta la necessità di reagire alle difficoltà, aprendo la porta e uscendo di casa alla ricerca della felicità.

IL REGISTAPaolo Sassanelli è nato a Bari nel 1958. Noto al pubblico come attore, in realtà da più di dieci anni si dedica alla regia. In teatro ha diretto numerosi spettacoli tra cui Servo per due, tratto da Carlo Goldoni, adattato e diretto in coppia con Pierfrancesco Favino che ne è anche il protagonista, campione di incassi nel 2014.

Per il cinema ha scritto e diretto vari cortometraggi i più noti dei quali sono i due prodotti da Mood Film, “Uerra” nel 2009 e “Ammore” nel 2013. Uerra è stato presentato al Festival di Venezia e ha vinto una menzione speciale ai Nastri d’Argento, Ammore è stato candidato ai Nastri d’Argento ed entrambi i corti sono stati candidati ai David di Donatello.

Noto al grande pubblico televisivo per le sue interpretazioni in serie TV come “Classe di Ferro”, “L’ispettore Coliandro” e “Un medico In famiglia”. Si è distinto anche al cinema lavorando con registi come Matteo Garrone, Cristina Comencini, Giuseppe Piccioni, Silvio Soldini.

IL FESTIVAL – Il Bobbio Film Festival, giunto alla 22esima edizione, è stato ideato da Marco Bellocchio, ora affiancato nel comitato di direzione artistica da Pier Giorgio Bellocchio, Enrico Magrelli e Paola Pedrazzini.

Una manifestazione che ogni anno si arricchisce grazie alla progettualità della Fondazione Fare Cinema, alla sinergia del Comune di Bobbio e al sostegno del Ministero dei Beni Culturali, Regione Emilia Romagna, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Camera di Commercio di Piacenza.

La rassegna prosegue martedì 14 agosto, con “Vangelo” (anteprima) di Pippo Delbono, ospite del festival.

Per l’acquisto di biglietti visitare il sito www.comune.bobbio.pc.it, per informazioni sul programma e gli ospiti www.bobbiofilmfestival.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.