PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le valli piacentine che regalano bontà: il mosto d’uva cotto

Più informazioni su

Sì, non è una notizia eccezionale, ma agosto è già dietro le porte, con il suo ultimo caldo afoso e i suoi regali più grandi e buoni.

Stiamo parlando della vendemmia; che significa uva delle nostre suggestive valli piacentine; che significa buon vino. E mosto cotto.

Chi lo preparava insieme alle proprie nonne si ricorderà sicuramente la gradevole sensazione delle mani appiccicose date dal succo d’uva, la bellezza della campagna e la bontà di questo dolce tipico della provincia di Piacenza, che può essere gustato così, come accompagnamento a svariati dessert o come farcitura per crostate.

Per chi lo prepara ancora adesso, e per chi invece non l’ha mai realizzato ecco di seguito la ricetta, messa a disposizione sul sito di PiacenzAntica.

Per la realizzazione del mosto d’uva cotto si può utilizzare sia la frutta nera che bianca: da bravi piacentini la scelta ideale sarebbe la bonarda, tipica delle nostre valli, con i suoi chicchi zuccherini e dunque molto dolci, perfetti per la preparazione.

Pigiate l’uva e dopo filtrate il liquido per eliminare tutte le impurità. Versate poi il composto in una pentola e, a fiamma molto bassa, aggiungete un cucchiaio di farina bianca alla volta per ogni bicchiere di liquido. Abbiate cura di mescolare continuamente per evitare la formazione di grumi.

Una volta raggiunta l’ebollizione togliete la pentola dal fuoco e lasciate raffreddare. Assaggiate – inutile dirlo! – per verificare che sia dolce quanto basta. Se gradite potete aggiungere dello zucchero semolato bianco a piacere.

Il vostro mosto cotto è pronto: potete conservarlo in frigorifero anche per diversi giorni, ma siamo sicuri che non sarà necessario!

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.