PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Musica, parole, pittura, scultura: gli artisti “invadono” la Valnure fotogallery

Valnure terra d’artisti, pittori, scultori, musicisti, poeti. Terra di grandi ispirazioni, di intensa storia, eppure di emigrazioni. Ma tornano.

Invasione d'artisti in Valnure

Mario Morisi ha fatto sua la plaga del nonno e del padre, Groppazzuolo di Farini e dintorni; un mondo sì caro alle fatiche raccontate dai colori e dalle dirompenti pennellate di Bruzzi; ispiratore dei legni di Paolo Perotti, della plastica creatività di Louis Molinari.

Morisi ha riassunto tutte le loro forze, passate e presenti, le ha coniugate ad altre storie per ritrovarsi in questi aspri monti dal ricordo dolce richiamando l’universale pensiero.

Si chiama Invasione d’artisti in Valnure. “Ma è pacifica – avverte -. Viviamo in un mondo violento dove l’altrove, che fu considerato un El Dorado e dove i nostri hanno dovuto fuggire. Con quest’invasione pacifica, generosa, lottiamo per dimostrare che gli artisti non hanno patria e covano un sogno solo: esprimersi per fare felici gli altri”.

E’ un festival lungo una settimana, si concluderà domenica 12 agosto, con musica, parole, pittura, scultura e omaggi a chi, ora non più, ha fatto parte di questo verde sposato al blu. E’ anche un omaggio alla Valnure bella, a Groppallo, a Groppazzuolo.

“E’ la terra dei Morisi dal 1577, secondo la prima visita pastorale ritrovata da Claudio Gallini – ricorda l’eclettico docente e scrittore – tre mendicanti, dicevano; venivano probabilmente di Genova. Poi generazioni di abati, di intellettuali, di viaggiatori sono passati davanti a casa loro, cioè a casa mia. L’idea è una risposta internazionale aile bellissime cose che si fanno in Val Trebbia e Val d’Arda”.

I nuovi artisti, invitati da Mario Morisi, sono venuti da lontano: “Gente affermata e conosciuta in Europa e Africa. Una band di afro reggae che ha suonato davanti a 50 000 spettatori, un duetto di canzone francese che torna dalla Siberia, un fotografo, Jérôme Genée che ha vinto un premio a Shangai l’annno scorso, e in Germania, un premio mondiale in un festival di foto delle vigne”.

Gli artisti si sono presentati al pubblico ieri pomeriggio (domenica) per l’inaugurazione nella scuola-museo di Groppallo, con un omaggio vibrante al defunto scultore Paolo Perotti, toccato a un collega: Louis Molinari, che nella Grande Parigi ha trovato la sua strada.

E la commozione ha preso la vedova e Silvia, una della quattro figlie che aveva portato alcune sculture e disegni del padre. A Groppallo il maestro trascorreva le sue estati lavorando nel silenzio la materia che più gli era cara: il legno.

Nella scuola-museo, edificio dismesso e riabilitato da Morisi, dai giovani groppallini e dagli amici artisti fin dallo scorso anno, è in corso una interessante mostra fotografica di Jérome Genée e il libro con le istantanee scattate durante la prima edizione, nel 2017, è il ricordo delle emozioni, dei sentimenti, dei segni di testimoni, della proiezione del tempo.

La prefazione è a due mani, lo scultore Molinari e lo scrittore Morisi, sarà venduto a 20 euro e servirà a coinvolgere la popolazione e i turisti in un principio di cooperazione e mutualità.

IL CALENDARIO

Lunedì 6: alle 19 aperitivo musicale con PARIS SEPIA (USA-Francia) canzone francese, fisarmonica, banjo, chitarra al Ristorante Monte Lama ai Bruzzi di Boccolo Noce.

Martedì 7: Groppallo, ore 18, concerto PARIS SEPIA Da Salini.

Mercoledì 8: Groppazzuolo ore 18 festa degli artisti con Rock and Friends. Dalle 19 Jérome Genée dedica il suo libro di foto davanti alla Casa dello Scrittore.

Giovedì 9: Groppallo, serata con tutti gli artisti, dalle ore 19 Paris Sépia (canzone francese) + Jam session con Pach Nawari (afro reggae).

Venerdì 10: Farini, Paris Sépia. Mostra fotografica di Jérome Genée sulla Valnure, poi concerto di “Pach Nawari”.

Sabato 11: Ferriere, bar Barbara dalle ore 19 Paris Sépia, concerto di Pach Nawari.

Domenica 12: Groppallo Gran finale con aperitivo musicale d’addio al ristorante, “Lo Smeraldo” e dalle 21 alla pizzeria Bonjour con il concerto di Pach Nawari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.