PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Appena scarcerato, scappa dagli agenti e cerca di liberarsi della marijuana: di nuovo in manette foto

Più informazioni su

Controlli della polizia in piazzale Marconi a Piacenza, scappa dagli agenti e cerca di “liberarsi” di 35 grammi di marijuana (nella foto).

Un tentativo di fuga andato a vuoto e che non ha risparmiato l’arresto ad un 28enne nigeriano, richiedente asilo, già finito in manette nel maggio scorso.

Polizia di Piacenza

Il giovane straniero, che deve rispondere ora dell’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, era tornato in libertà solo da quattro giorni.

Nella serata del 16 agosto le volanti della polizia, con il reparto prevenzione crimine di Milano e la guardia di Finanza, hanno eseguito un controllo in un bar della zona della stazione ferroviaria cittadina (nelle foto).

Il 28enne, alla vista delle forze dell’ordine, è uscito rapidamente del locale, allungando il passo e poi cercando di scappare.

Una mossa che non è sfuggita ai poliziotti, così come il tentativo di disfarsi della marijuana, abbandonata dal ragazzo durante tragitto, in parte sul davanzale di una finestra e in parte all’interno di una ditta. Droga, già divisa in dosi, recuperata dagli operatori e poi finita sotto sequestro.

Il giovane, fermato in via Sansone, è stato arrestato: comparirà davanti al giudice per il processo per direttissima.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AMX

    Forza adesso, Signor Giudice: mi raccomando, lasci subito libero -di nuovo- il povero “profugo” o “migrante” che dir si voglia, in modo che possa continuare a pagarci le pensioni.