PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Si è spento l’ex prefetto di Piacenza Ardia. Vasto cordoglio

Più informazioni su

Si è spento a 77 anni l’ex prefetto di Piacenza Alberto Ardia.

Ardia ha guidato l’ufficio territoriale del governo dal luglio del 2003 al febbraio 2008 e lascia tanti amici a Piacenza.

Persona colta e brillante, aveva svolto con grande impegno e attaccamento al territorio il suo compito di prefetto.

Era nato a Napoli e ha ricoperto le cariche di viceprefetto di Milano, prefetto di Belluno e Pavia e nel 2012 era stato nominato commissario straordinario di Asti.

(foto da Facebook)

Il cordoglio del sindaco Patrizia Barbieri per la scomparsa dell’ex prefetto Alberto Ardia

Il sindaco Patrizia Barbieri esprime, anche a nome dell’Amministrazione comunale, il cordoglio per la scomparsa dell’ex prefetto di Piacenza Alberto Ardia, alla guida dell’Ufficio territoriale del Governo dal luglio 2003 al febbraio 2008.

“Una persona stimata per la sua competenza professionale – sottolinea il primo cittadino – e per l’impegno rivolto al nostro territorio, dove aveva scelto di continuare a vivere anche dopo il termine del suo incarico. Segno, questo, del profondo legame instaurato con la nostra comunità, che oggi ricorda il dottor Ardia anche per i suoi tratti umani, per  la sua cordialità e disponibilità”.

IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE ROLLERI PER LA SCOMPARSA DI ALBERTO ARDIA
Un lutto che colpisce tutta la nostra Comunità

Il Presidente della Provincia Francesco Rolleri esprime, anche a nome del consiglio Provinciale, il cordoglio per la scomparsa dell’ex prefetto di Piacenza Alberto Ardia.

“In questa dolorosa circostanza, ci tengo a far arrivare a nome mio personale e del Consiglio Provinciale, il mio più sentito cordoglio.

La sua scomparsa rappresenta una grave perdita per tutta la nostra comunità, che oggi ha perso un uomo di grande spessore.”

Il ricordo del sindacato di polizia Siap Piacenza

Il Prefetto Ardia ha rappresentato il Governo a Piacenza nel mio periodo sindacale più burrascoso dove il dissenso democratico era all’ordine del giorno per salvaguardare i diritti dei poliziotti che rappresentavo localmente e a livello nazionale. Abbiamo avuto più incontri e scontri ma sempre nel rispetto della parti e della persona.

Un vero rappresentante dello Stato che poneva davanti a tutto lo Stato ma sapeva riconoscere le prerogative sindacali e i diritti dei lavoratori e sapeva dialogare democraticamente e con incisività tanto che riuscì a farmi fare un passo indietro su una manifestazione annunciata nel giorno della visita del Presidente della Repubblica Ciampi a Piacenza dimostrando, in quella occasione, quanto bene voleva a Piacenza dove poi è rimasto a vivere una volta in pensione.

Ho potuto rincontrarlo in tutti questi anni ed è stato un piacere poter sempre dialogare e confrontarmi con lui, sempre attento alle mie lotte sindacali. A nome mio personale e di tutto il Siap formulo le più sentite condoglianze ai famigliari. Ci mancherà.
Sandro Chiaravalloti Siap Piacenza

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.