PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra 50 anni per i piacentini due mesi e mezzo sopra i 32 gradi

Fra 50 anni a Piacenza trascorreremo un mese e mezzo in “Africa”. Naturalmente stiamo parlando di clima e non di geografia.

Nel 2068 la nostra città si troverà a quota 32 gradi per ben 44 giorni su 365. Più del doppio dei 2o giorni del 2018, mentre nel 1988 erano solo 8 i giorni a quella temperatura torrida.

Sono gli effetti del cambiamento climatico calcolati sulla base di un’analisi a livello mondiale condotta per il The New York Times  dal Climate Impact Lab, un gruppo di scienziati del clima, economisti e analisti di dati del Rhodium Group, dell’Università di Chicago, della Rutgers University e dell’Università di Berkeley, in California.

Le proiezioni sono basate – viene spiegato da InfoData de “IlSole24Ore – sulle promesse di riduzione delle emissioni di gas serra sottoscritte con l’accordo di Parigi, anche se la maggior parte dei paesi non sembra al momento in grado di soddisfare tali impegni.

Le mappe mostrano che il futuro sarà comunque più caldo del presente, anche se si tratterà comunque di un aumento più contenuto rispetto agli ultimi 30 anni.

Secondo le proiezioni sulle città italiane, sono 7 capoluoghi di provincia italiani che sfioreranno i 3 mesi di temperature al di sopra di 32 gradi centigradi: Caserta, Parma, Foggia, Frosinone, Modena, Cremona e Cagliari. In altri 16 capoluoghi si supereranno i due mesi (Mantova, Benevento, Perugia, Matera, Udine, Reggio Emilia, Pesaro, Rovigo, Torino, Ferrara, Padova, Verona, Prato, Taranto, Isernia e Siena.

Quelle citate sono le stime medie del numero dei giorni dove si supereranno i 32 gradi. Come sempre in statistica una previsione prevede un certo intervallo di incertezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.