PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo caso di virus West Nile, 80enne in gravi condizioni

Nuovo caso di virus West Nile in provincia di Piacenza.

Ad essere contagiato dalla patologia che viene trasmessa dalle zanzare un uomo di 80 anni di Caorso.

A darne conferma il sindaco Roberta Battaglia.

“Mi hanno avvisato dal Dipartimento di salute pubblica che una persona anziana di Caorso è stata ricoverata in condizioni critiche, a causa del virus West Nile.

La gravità del quadro clinico è connessa soprattutto all’età di questa persona ed alle probabili comorbilità”.

Questo è il quarto caso nella provincia di Piacenza e mi auguro che le sue condizioni possano migliorare”.

Dal sindaco Battaglia arriva anche un appello a non diffondere infondati allarmismi: “Vi invito a tenere i comportamenti di possibile precauzione: abiti chiari ed repellenti, evitare profumi e creme, tenere chiuse le zanzariere.

Sul territorio di Caorso sono stati trattati tombini ed aree pubbliche, ma il fenomeno è difficilmente contenibile ed ha registrato circa 90 casi in tutta la regione Emilia Romagna e le linee guida del Ministero della Sanità rimangono quelle sopra indicateci”.

Del virus West Nile si è parlato anche in occasione della recente Conferenza provinciale sociosanitaria in Provincia di Piacenza.

“In quella sede ho proposto – aggiunge la Battaglia – di estendere anche ai privati cittadini la possibilità di ricorrere a forme di disinfestazione a prezzi calmierarti attraverso apposite convenzioni con le ditte specializzate”.

Dal canto suo la Regione, oltre al Piano di sorveglianza e controllo, consolidato da anni, e puntualmente inviato a giugno scorso a tutti i sindaci e alle Aziende Usl, ad agosto ha attivato una sorveglianza entomologica straordinaria (extra piano).  Il 16 agosto ha chiesto ai Comuni di aumentare l’attenzione dove era maggiore la presenza di persone più fragili (anziani o con patologie croniche), e quindi in prossimità di ospedali e strutture socio-assistenziali, attuando trattamenti di disinfestazione con prodotti adulticidi a cadenza settimanale fino al 30 settembre.

L’andamento dell’infezione nell’uomo – Attiva nel periodo 15 giugno-31 ottobre, la sorveglianza sanitaria del virus West Nile in Emilia-Romagna prevede la segnalazione di tutte le forme cliniche, anche sospette, di malattia neuro-invasiva (con meningiti, encefaliti, paralisi).

Al 10 settembre 2018, risultano 87 casi di malattia neuro-invasiva (con 14 decessi, età media dei deceduti pari a 80 anni, con range da 69 a 87 anni); 65 casi di forme febbrili (non sono oggetto di una sorveglianza attiva, ma vengono registrate se segnalate e quindi risentono della sensibilità dei medici che è diversa nei diversi territori); 22 casi di infezione senza sintomi in donatori di sangue.

Il picco di rilevamenti è stato registrato tra il 27 luglio e il 10 agosto, e la localizzazione dei casi ha riguardato soprattutto le province di Bologna, Modena, Ferrara e Ravenna.

Relativamente alle donazioni di sangue, dal momento dell’individuazione della circolazione del virus, tutti i donatori sono sottoposti a test che consentono di individuare l’infezione anche nel caso di donatori asintomatici. Tutte le sacche di sangue sono sottoposte a controlli specifici che garantiscono la sicurezza delle medesime.

I dati nazionali – In Italia, al 5 settembre 2018 (Bollettino n. 10 Istituto Superiore di Sanità), sono stati segnalati 365 casi umani confermati di infezione (numero complessivo di febbri e forme neuroinvasive) da West Nile Virus e di questi 148 si sono manifestati nella forma neuro-invasiva. Quasi tutti i casi sono stati nel bacino Padano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.