PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Col massaggio cardiaco imparato a scuola ho salvato mio papà”

Una figlia che salva la vita al padre, senza compiere alcun gesto eccezionale. Grazie alla conoscenza delle corrette azioni da compiere in caso di emergenza: il massaggio cardiaco imparato a scuola e la tempestiva chiamata del 118.

E’ la storia raccontata da Paolo Benvenuto e da sua figlia Elena (nella foto) in occasione della Giornata Mondiale del Cuore.

Il primo vittima di un malore improvviso, mentre si trovava a casa, salvato dai soccorsi chiamati dai familiari e dall’intervento della figlia.

Nella sede di Anpas Piacenza, in collaborazione con Progetto Vita, si è svolta sabato mattina una dimostrazione sull’utilizzo del defibrillatore semiautomatico esterno, alla presenza degli operatori e della dottoressa Daniela Aschieri, di Progetto Vita.

Giornata del cuore all'Anpas

“E’ accaduto – racconta Paolo Benvenuto – alla fine di maggio, ero sul divano alla domenica pomeriggio, dopo aver fatto sport alla mattina. Ho improvvisamente perso conoscenza.

Devo ringraziare mia figlia e mia moglie che hanno reagito subito chiamando il 118, sono arrivati dopo pochi minuti dalla chiamata”.

La figlia Elena spiega di aver fatto un corso a scuola per l’uso del defibrillatore: “E’ stato molto utile perchè ci hanno insegnato tutte le pratiche fondamentali di primissimo soccorso, è stato vitale per salvare mio padre.

Prima del corso non sapevo come si faceva il massaggio cardiaco e con un manichino ci siamo messi alla prova.

Davanti al malore di mio padre è stato quasi un sogno, come se non mi accorgessi di essere lì in quel momento, vedevo mia mamma e mia sorella molto spaventate. Mentre lei ha chiamato il 118, io ho praticato il massaggio cardiaco”.

Giornata del cuore all'Anpas

Il padre Paolo era tornato da un giro in bici la domenica mattina, con il senno di poi – ha raccontato – aveva avvertito qualche malessere, come la sensazione di non aver digerito bene, ma si è messo a lavorare al pc, e poi ha perso conoscenza.

I familiari si sono accorti che qualcosa non andava perché hanno sentito un rumore strano, di respiro affannoso. La moglie Barbara ha chiamato il 118 e fatto intervenire la figlia, perché sapeva che aveva fatto un corso di rianimazione a scuola.

Giornata del cuore all'Anpas

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.