PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Docenti di sostegno, Tagliaferri (FdI) interroga la Giunta “Vanno rispettati i programmi scolastici”

Docenti di sostegno, il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Tagliaferri, interroga la Giunta per sapere se le necessità di alunni e famiglie sono state soddisfatte.

“Con l’inizio del nuovo anno scolastico son già state segnalate diverse problematiche, come le cattedre senza professori e la conseguente chiamata di supplenti” dice il consigliere Tagliaferri.

“Altra questione è quella degli orari di sostegno assegnati agli studenti portatori di handicap, che la norma prevede in un minimo di 18 la settimana, e in alcune realtà provinciali non sono assicurate, con la conseguenza da parte dei genitori di dover intervenire di tasca propria, ove se lo possano permettere, per garantire ai figli una minima istruzione di base, oltre alle problematiche dei tempi di permanenza di tali alunni nella strutture scolastiche che, differendo da quelli canonici degli altri, costituisco altre problematiche per i genitori che lavorano”.

“Un’altra questione, sempre più rilevante, rispetto al passato, è l’aumento vertiginoso di alunni stranieri – sottolinea l’esponente di FdI – dovuto ovviamente ai più recenti fenomeni di immigrazione nel nostro paese, la percentuale delle classi in deroga al tetto del 30% (di alunni con cittadinanza non italiana) quest’anno si è assestata al 25,5%, contro una media regionale pari al 13,8%. in questo consistente numero di alunni stranieri ve ne sono che non conoscono bene la lingua italiana, e necessitano quindi di volontari, se non di insegnanti di sostegno, che gli permettano di seguire con profitto il corso delle lezioni”.

“Ove tale supporto non venga assicurato, come segnalato da molti genitori, si registra un rallentamento dei programmi scolastici a danno di tutti gli altri alunni della classe”.

Pertanto Tagliaferri ha sollecitato un confronto con l’Ufficio scolastico dell’Emilia Romagna di competenza, per verificare se siano garantiti, su tutto il territorio regionale il rispetto dei programmi scolastici previsti nelle varie classi, per tutti gli studenti iscritti nell’anno in corso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.