PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra riserve naturali e centri storici, in 50 alla crociera sul Po da Piacenza a Venezia foto

Oltre 50 partecipanti alla crociera sul Po, da Piacenza a Venezia. Tre giorni di navigazione alla scoperta delle rive del Grande Fiume nel fine settimana del 14-16 settembre.

La nota stampa – Per la prima volta negli ultimi anni, il fiume Po da Piacenza di Isola Serafini-Monticelli d’Ongina, è stato solcato da una crociera turistica che ha attraversato la nuova Conca per la promozione di questo territorio, come segmento di un’offerta più vasta che vuole collegare Milano con Piacenza, Cremona Mantova (Mincio, Laghi e Po) fino alla laguna di Chioggia e Venezia.

La crociera sperimentale è stata organizzata dall’International Propeller Club, associazione culturale che promuove l’innovazione logistica nei trasporti, dimostrando che “si può fare” integrando servizi locali esistenti per la navigazione fruizione paesaggistica, culturale, enogastronomica di questo patrimonio straordinario del Po e dei fiumi connessi.

Il percorso organizzato in tre giorni e frequentato da oltre 50 partecipanti tra imprenditori milanesi, turisti, amministratori pubblici dei territori attraversati ha dimostrato come sia possibile creare una rete che valorizza il territorio e che durante questi tre giorni di percorsi ha fatto scoprire ai partecipanti paesaggi e valori culturali straordinari.

crociare fluviale interclub da Piacenza a Chioggia

I 30 km di Po da Piacenza alla grande nuova conca di Isola Serafini assieme alla visione della fauna e della flora spontanea del fiume costituisce un’anteprima dei grandi paesaggi che poi si articolano anche nei laghi di Mantova (10km) con le riserve naturali delle paludi e dei fiori di loto per poi riprendere il fascino degli scenari del Po Mantovano (40 Km) e passare alla laguna da Chioggia a Venezia (40 km).

Il viaggio ha rivelato inoltre non solo gli aspetti paesaggistico-ambientali ma anche quelle infrastrutture della navigazione interna per le merci ed idrauliche passando per i porti di Cremona e Mantova e per altri sul percorso spesso sconosciuti derivanti da una storia secolare. Durante le 3 giornate si sono effettuate oltre 12 ore di navigazione con 5 imbarcazioni di modello differenziato a seconda delle necessità, comprese le barche elettriche per solcare le riserve naturali, alternate a brevi trasferimenti in bus, visite ai centri storici a piedi e ritorno in treno confermando che il turismo può essere più sostenibile. Le soste più prolungate sono state quelle per la degustazione enogastronomica locale.

Pertanto l’esperienza straordinaria e prototipale che è stata compiuta permette di confermare che pur nelle condizioni attuali ed in attesa degli ulteriori miglioramenti infrastrutturali, in parte previsti, questa proposta turistica “lenta” e di fruizione ambientale inusuale può essere organizzata in offerta stabile da parte delle agenzie turistiche.

L’iniziativa autofinanziata ha avuto segnali di sostegno importanti provenienti dalle pubbliche amministrazioni come dai Comuni di Piacenza, Monticelli d’Ongina e limitrofi, dalla Regione Emilia
Romagna, attraverso il suo Assessore ai Trasporti Donini, dai consiglieri regionali Lombardi Cappellari di Mantova (Lega), Piloni di Cremona (PD) e dalla Provincia di Mantova. Anche le
associazioni come Assonautica Rovigo, Canottieri Vittorino da Feltre e Motonautica di Piacenza hanno aiutato l’iniziativa assieme all’ Negrini Andes Tours. Alla conclusione, i partecipanti del Porpeller hanno già pensato alle prossime possibili crociere sperimentali.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.