PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mantenere la biglietteria alla stazione di Fiorenzuola” Ok a risoluzione Lega – FdI

E’ stata approvata all’unanimità dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna la Risoluzione, presentata dai consiglieri regionali Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia), Matteo Rancan e Fabio Rainieri (Lega Nord), che impegna la Giunta a mantenere le biglietterie nelle stazioni ferroviarie di Borgo Val di Taro, Fiorenzuola d’Arda e Lugo.

“Un consenso, condiviso trasversalmente da tutte le forze politiche, che dovrebbe sostenere l’assessore ai Trasporti, Raffaele Donini, a tal punto da farlo alzare, dal tavolo delle trattative con Trenitalia, con la garanzia che le biglietterie delle stazioni ferroviarie di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), di Borgo Val di Taro (Parma) e Lugo (Ravenna) saranno fatte rientrare nel novero di quelle che rimarranno aperte a seguito del “Contratto di servizio ferroviario” – commentano i consiglieri.

“Per quanto sia condivisibile il ricercare soluzioni alternative per quelle stazioni ferroviarie le cui biglietterie sono in perdita, ovvero quelle stazioni che non riescono tramite l’emissione dei titoli di viaggio a mantenere i costi di gestione, – aggiungono – tanto risulta incomprensibile – se non per mere ragioni di profitto aziendale – la volontà di Trenitalia di chiudere biglietterie il cui gettito consentirebbe tranquillamente di sostenere i costi del relativo personale, come nel caso di Fiorenzuola d’Arda”.

“Fermo restando poi, entrando nel merito, che è bene chiarire da subito che la Regione, in qualità ente committente, non deve sottostare ai dictat della società fornitrice del servizio, bensì debba essere quest’ultima, nel caso, a sottostare alle esigenze della prima”.

“La chiusura della biglietteria di Fiorenzuola d’Arda, inoltre, – proseguono i consiglieri – non soltanto toglierebbe un presidio essenziale alla sicurezza dei locali della stazione ferroviaria che altrimenti sarebbero abbandonati, ma priverebbe di assistenza la clientela di tutta la Val d’Arda, obbligando gli utenti a recarsi presso altre biglietterie magari ad altissimo flusso di utenza , con ulteriore perdita di tempo, per le necessità legate all’assistenza alla clientela o per l’emissione degli abbonamenti e/o per particolari tipologie di biglietti”.

“Va quindi sottolineato – concludono – come, oltre a garantire un presidio essenziale per la sicurezza dei locali della stazione, le biglietterie assolvono ad un altro fondamentale servizio, cosiddetto “secondo contatto”: quello della gestione delle richieste che giungono dalla clientela successivamente all’emissione del titolo di viaggio (rimborsi, restituzioni, sostituzione dei titoli e duplicati, richieste di informazioni per inoltro reclami)”.

Molinari e Tarasconi (Pd): “Follia rendere Fiorenzuola stazione-fantasma” – “La Regione deve intervenire per sospendere la chiusura della biglietteria ferroviaria di Fiorenzuola d’Arda, prezioso presidio per il territorio piacentino e servizio utile per i pendolari”.

Fanno eco ai colleghi del centrodestra anche i consiglieri regionali Pd Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi che in aula hanno preso parola per portare ancora una volta all’attenzione del parlamentino regionale il disagio e le conseguenze che ci sarebbero se Fiorenzuola fosse privata di questo servizio.

“La vicenda della biglietteria di Fiorenzuola – sottolineano i dem – si trascina da alcuni anni. All’inizio sembravano solo voci, a cui sono anche seguite smentite, poi, nei giorni scorsi, la conferma di una data di “scadenza” improrogabile sulla chiusura. La politica ieri si è fatta sentire, in modalità bipartisan abbiamo votato all’unanimità la risoluzione del centrodestra perché i problemi che riteniamo importanti sul territorio non hanno colore politico”.

Secondo Molinari e Tarasconi, che la settimana scorsa avevano invece depositato una interrogazione sui disservizi della tratta Fidenza-Cremona, Trenitalia deve tornare a rivalutare le proprie linee aziendali e ricordarsi dell’importanza rivestita anche dal ruolo di presidio e presenza sul territorio. I pendolari e gli Amministratori locali non sono ciechi – rimarcano – sono disponibili al confronto, a capire come implementare i servizi e come rendere più vivibili ed efficaci le biglietterie, ma rendere la stazione di Fiorenzuola una stazione fantasma, non presidiata, è una follia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.