PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Premiata la scuola di Vernasca. Ecco la guida per il pranzo al sacco

CAMPAGNA AMICA: PREMIATA A BOLOGNA LA SCUOLA DI VERNASCA – La nota stampa

Menzione speciale per l’impegno alla scuola dell’infanzia di Vernasca, premiata mercoledì 26 settembre, a Bologna per l’elaborato dedicato all’acqua presentato al termine del progetto di “Educazione alla Campagna Amica” nell’anno scolastico 2017-2018.

A ritirare il premio è stata la responsabile di Coldiretti Donne Impresa Piacenza Francesca Bertoli Merelli, che ha ricordato l’importanza del progetto che ogni anno coinvolge circa 3mila studenti piacentini. E intanto arriva il primo vademecum per portare a scuola il pranzo da casa. Lo ha illustrato sempre a Bologna Coldiretti Emilia Romagna.

L’occasione è stata quindi la presentazione del progetto di Educazione alla Campagna Amica e dell’associazione Coldidattica, l’associazione di aziende agricole e fattorie didattiche anch’essa promossa da Coldiretti.

Dopo la sentenza 5156 del 3 settembre scorso della sezione V del Consiglio di Stato che ha dato il via libera al pasto portato a scuola da casa – commenta Coldiretti Emilia Romagna – si apre la possibilità per le famiglie di dare ai propri figli un panino o comunque un pasto pronto, da consumare a scuola nei momenti dedicati al pranzo o alla merenda.

Si tratta – afferma Coldiretti Emilia Romagna – di un’occasione che richiede grande cura per assicurare ai ragazzi alimenti sani e sicuri: che sia il classico panino o un pasto caldo o freddo è importante che si tratti di un pasto equilibrato sul piano nutritivo e sicuro sul fronte salutistico.

Per questo – afferma Coldiretti Emilia Romagna – è importante rispettare la stagionalità degli alimenti, utilizzando prodotti locali, che non abbiano dovuto subire lo stress di lunghi trasporti.

A seconda della stagione, calda o fredda, è importante utilizzare borse o sacche frigo per conservare gli alimenti d’estate o contenitori termici per i pasti caldi, in modo da assicurare la giusta conservazione del cibo fino al momento della consumazione.

Un pasto corretto – sottolinea Coldiretti regionale – dovrebbe essere composto da carboidrati (pasta, pane, riso, farro, orzo, patate), abbinati ad una fonte proteica (carne, formaggi, uova, legumi, pesce) con una quota di fibre e vitamine (verdure e frutta di stagione) con grassi “buoni” come l’olio extravergine d’oliva.

Unitamente al vademecum per il pranzo al sacco, Coldiretti Emilia Romagna ha quindi presentato l’associazione Coldidattica ed il concorso Educazione alla Campagna Amica per l’anno scolastico 2018-2019. Coldidattica – informa Coldiretti Emilia Romagna – è l’associazione di aziende agricole e fattorie didattiche promossa da Coldiretti con l’obiettivo di realizzare iniziative e attività aperte alle scuole, alle famiglie e a quanti vogliono conoscere più da vicino il mondo e la cultura agricola.

Due gli agriturismi piacentini già inseriti nella rete: “Tenuta Casteldardo” di Besenzone e “le Rondini” in località Lodino di Gazzola. Dal 10 ottobre sarà possibile essere aggiornati sulle attività proposte collegandosi al sito che verrà attivato per quella data, www.coldidattica.it.

Presentato infine il tema del nuovo progetto di “Educazione alla Campagna Amica”, che è “Biodiversità contro omologazione – perché la diversità è una risorsa? trova la risposta nell’agricoltura di qualità”.

VADEMECUM PER IL PRANZO A SACCO

1) Pasto equilibrato sul piano nutritivo e salutistico (attenzione a non soddisfare solo il gusto dei bambini, ma anche la salute);

2) Avere sempre presente la ripartizione giornaliera delle calorie (indicativamente 20% a colazione; 5% merenda del mattino, 35% pranzo; 5% merenda del pomeriggio; 35% cena).

3) Alimenti locali o comunque del territorio italiano, che non abbiamo subito lo stress di lunghi trasporti;

4) Un pasto dovrebbe essere composto da carboidrati (pasta, pane, riso, farro, orzo, patate) abbinati ad una fonte proteica (formaggio, pesce, carne, uova, legumi) con un quota di fibre e vitamine (verdure e frutta di stagione), con grassi “buoni” come l’olio extravergine d’oliva;

5) Attenzione alle porzioni. Ad esempio per il panino: 60-70 grammi per i bambini di 6-7 anni; 80-100 per quelli di 8-10 anni. Più un frutto di stagione e acqua naturale;

6) I cibi devono essere trasportati e conservati fino al momento della consumazione ad una temperatura di 4 gradi;

7) Utilizzare borse frigo d’estate quando gli alimenti possono deteriorarsi più facilmente;

8) Nelle stagioni fredde è importante avere pasti caldi (contenitori termici)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.