PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Puliamo il mondo con 750 studenti. Domenica volontari lungo le mura e al quartiere Roma

Più informazioni su

“Puliamo il mondo” è la campagna di sensibilizzazione che in Italia ha ormai raggiunto la 26esima edizione. L’iniziativa, nata in Australia, è coordinata sul territorio nazionale da Legambiente con un week end di mobilitazione.

A Piacenza sarà, come al solito, rivolta principalmente alle scuole, e vivrà due momenti importanti domenica 30 settembre dalle ore 10 alle 12 con una duplice iniziativa di pulizia: la prima al parcheggio dell’Ospedale in via XXI Aprile e poi in Via Tramello lungo le mura; la seconda vedrà impegnati una decina di volontari delle realtà del terzo settore che operano nel quartiere Roma all’interno del Tavolo di Porta Galera, che puliranno i giardini Margherita e Merluzzo insieme le vie del quartiere.

750 invece in tutto gli studenti della provincia che prenderanno parte all’iniziativa, che coinvolgerà l’Istituto Ranieri Marcora, le Scuola secondarie Calvino e Faustini-Frank (Sede Mazzini) e le primarie XXV Aprile, Caduti sul Lavoro, Don Minzoni, De Gasperi, 2 Giugno.

“Centinaia – evidenzia Legambiente – sono i volontari che opereranno sul territorio piacentino per Puliamo il Mondo 2018, confermando la fiducia in una iniziativa di valore formativo ed informativo unici”.

“E’ un momento molto delicato per il problema rifiuti a Piacenza – aggiungono – con il pericolo che al 2020, quando in base al Piano regionale dei Rifiuti l’inceneritore di Piacenza dovrà cessare di bruciare i rifiuti solidi urbani, si corra il rischio di mantenere in vita un impianto per bruciare rifiuti speciali provenienti non solo dalla regione, ma da tutta Italia.

“Quindi i nostri obbiettivi in questo PIM 2018, oltre ad una maggior sensibilizzazione dei cittadini, partendo dalle scuole, per una forte attenzione e custodia del territorio in cui viviamo, sono quelli di arrivare entro il 2020, attraverso la diminuzione della produzione dei rifiuti, la raccolta differenziata ed il riciclo, a ”Rifiuti Zero” con la conseguente chiusura dell’impianto di incenerimento di Borgoforte”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.