PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ricerca dispersi, esercitazione per 50 tecnici del Soccorso Alpino fotogallery

Ricerca dispersi, esercitazione con 50 tecnici del Soccorso Alpino dell’Emilia Romagna.

La nota stampa del Saer – Si è concluso il 23 settembre l’importante evento formativo svolto dal Soccorso Alpino e Speleologico dell’Emilia-Romagna (SAER) sulla ricerca e il soccorso sanitario a dispersi in ambiente impervio di tipo carsico.

L’esercitazione si è svolta sabato e domenica nel territorio del Parco della Vena del Gesso Romagnola, ed in particolare in un’area adiacente al Centro visita di Ca’ Carnè nel Comune di Brisighella; un ambiente ben antropizzato, che presenta svariate difficoltà in caso di una ricerca di persone disperse: zone boschive difficilmente percorribili, dirupi e pareti scoscese, con la presenza di numerosi inghiottitoi ed ingressi di grotte.

Circa 50 Tecnici di Soccorso Alpino della XXV Delegazione e di Tecnici di Soccorso Speleologico della XII Zona, provenienti da tutta la Regione, hanno affrontato una prima giornata di formazione specifica sulle tecniche di ricerca ad opera delle Scuole Regionali del Saer, con la partecipazione di medici e psicologi specialisti ed esperti delle forze dell’ordine, per poi operare nella giornata odierna una vera e propria esercitazione di ricerca e soccorso sul territorio.

Dopo aver allestito il campo base e la centrale di coordinamento delle ricerche (Ccr), diverse squadre di tecnici di soccorso con il supporto di Unità Cinofile, hanno effettuato esercitazioni simulando alcuni scenari di ricerca secondo diverse casistiche e tipologie di territorio.

La Vena del Gesso Romagnola è un’area collinare particolarmente frequentata per attività di escursionismo, trekking e mountain bike, oltre che di attività speleologica, ed oggetto di frequenti eventi organizzati.

All’evento ha partecipato anche la Croce Rossa Italiana.

Il SAER – è il servizio regionale del Corpo nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, ha come scopo il soccorso sanitario e la ricerca dispersi negli ambienti impervi montani ed ipogei, ed opera in convenzione con il Servizio Sanitario regionale ed in stretto coordinamento con le C.O. 118. A questo scopo svolge un continuo addestramento e formazione dei propri Tecnici e Medici ad operare nei territori, rocciosi, boschivi o nelle difficili grotte dei gessi.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.