PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tariffe idriche in calo in tutta la Regione. Ma a Piacenza crescono

Più informazioni su

Servizio Idrico: trend in discesa per le tariffe nei prossimi anni – La nota stampa

Un primo calo delle tariffe del Servizio idrico Integrato si prefigura, per il biennio 2018/2019, nel territorio dell’Emilia Romagna, secondo i dati elaborati da ATERSIR e approvati dal Consiglio d’ambito.

Ma non a Piacenza, come si desume dalla tabella qui sotto che fotografa il trend nei vari territori della Regione Emilia Romagna. Da noi la tariffa è destinata a crescere del 3,3 % nel 2018 e del 4,3 nel 2019.

tabella tariffe acqua

Nel caso dell’ambito territoriale di Piacenza – spiega la nota di ATERSIR – le tariffe non scendono per gli importanti interventi sulle opere acquedottistiche, legati sia alla crisi idrica dello scorso anno che ad adeguamenti normativi.

L’Agenzia ha infatti presentato, ai Sindaci del Consiglio d’ambito, i moltiplicatori tariffari di ciascun gestore per le due annualità, ovvero un complesso sistema di calcolo che, partendo dal metodo tariffario definito dall’Autorità nazionale ARERA, fissa i costi complessivi del servizio e il piano economico finanziario.

Si configura una tendenziale fase di ribasso delle tariffe che si concretizzerà, per molti utenti, in un calo o in una sostanziale stabilizzazione del costo della propria bolletta.

Dopo un periodo di aumenti, dovuti alla necessaria ripresa degli investimenti per cominciare a riqualificare il settore e tendere ai livelli degli altri paesi europei, e all’introduzione dei metodi tariffari definiti dall’Autorità Nazionale – che hanno riconosciuto ai gestori costi lasciati sospesi nel precedente periodo di incertezza e assenza di norme – si assisterà, in questo biennio, ad un prevalente calo dei costi complessivi del servizio rispetto agli anni precedenti, accompagnato da una stabilizzazione delle tariffe ed in molti casi da una riduzione.

Oggi quindi, dopo anni di aumenti, la dinamica delle tariffe si manterrebbe in linea generale abbastanza stabile, com’è il caso ad esempio di Ferrara e Ravenna; alcuni territori hanno potuto beneficiare di un inizio di ripresa economica e di crescita dell’industria con conseguente aumento dei volumi di acqua fatturati e riduzione – in taluni casi anche sensibile – delle tariffe.

Le principali eccezioni riguardano i gestori che hanno dovuto affrontare maggiori investimenti negli ultimi anni, sia per necessità infrastrutturali (è il caso dell’ambito territoriale di Rimini e delle importanti opere di riqualificazione del sistema di collettamento delle acque) sia per affrontare emergenze esterne quali la crisi idrica o, nel caso dell’ambito territoriale di Piacenza, dove si aggiungono importanti interventi su opere acquedottistiche, legati sia alla crisi idrica dello scorso anno che ad adeguamenti normativi.

La tariffa del servizio idrico è stata calcolata dall’Agenzia sulla base dei criteri deliberati da ARERA per gli aggiornamenti tariffari 2018-2019. I dati, che vengono approvati definitivamente dell’Autorità Nazionale, migliorano significativamente lo scenario regionale a dimostrazione che la semplificazione e razionalizzazione della struttura dei corrispettivi da una parte, e l’importante mole di investimenti e manutenzione del sistema operati sul territorio hanno, in questi anni, garantito la qualità del servizio e consentono, ora, un generale assestamento anche della componente tariffaria che pagano i cittadini.

“Oggi possiamo dire – spiega il Direttore di ATERSIR Vito Belladonna – che dopo gli aumenti degli anni scorsi, aumenti che abbiamo cercato di accompagnare con azioni di tipo “sociale” come il bonus idrico regionale, anche grazie ad un recupero dei volumi di acqua fatturati, i costi medi si mantengono o si riducono in regione, salvo alcune comprensibili eccezioni”.

“La sostanziale stabilità, che finalmente si rispecchierà anche nelle tariffe al cittadino, non esclude, anche per i prossimi anni, l’attento monitoraggio del territorio e degli interventi necessari al mantenimento degli standard qualitativi del servizio – aggiunge il Presidente di ATERSIR Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara. Particolare attenzione sarà rivolta, anche grazie ai dieci milioni di euro di finanziamenti che arriveranno dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione del Ministero dell’Ambiente, al miglioramento della rete e a interventi di riduzione delle perdite”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.