PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

West Nile, primo decesso a Piacenza. Non ce l’ha fatta l’80enne ricoverata in agosto

Primo decesso a Piacenza dovuto all’infezione del virus West Nile. Non ce l’ha fatta l’80enne ricoverata alla fine di agosto nell’unità di malattie infettive dell’ospedale di Piacenza.

Quello diagnosticato alla signora era stato il primo caso di West Nile nella nostra provincia, confermato dall’azienda sanitaria locale. Nella giornata di ieri, invece, è arrivata la notizia un nuovo caso, il quarto, di infezione nel Piacentino.

LA NOTA DELL’AUSL PIACENZA – La Direzione sanitaria dell’Azienda Usl di Piacenza conferma che la paziente di 78 anni residente a Piacenza, ricoverata nell’ospedale cittadino lo scorso 15 agosto per febbre elevata resistente alla terapia e che nei giorni successivi ha sviluppato una sintomatologia che ha fatto sospettare una infezione da West Nile (confermata poi da esami di laboratorio il giorno 24 agosto), è deceduta nel reparto di Rianimazione nella notte tra il 14 e il 15 settembre.

La donna, a causa di una importante e progressiva compromissione neurologica, era in stato di coma dal quale non si è più ripresa.

Nella giornata di sabato 15 settembre sono stati completati gli accertamenti che hanno confermato la malattia in un altro paziente. L’uomo, di circa 80 anni e residente a Caorso, è ricoverato nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Piacenza.

L’Azienda precisa che gli aggiornamenti sull’andamento epidemiologico della malattia di West Nile saranno d’ora in avanti oggetto di informative a cura dell’Assessorato regionale.

IL VIRUS – Il virus deriva il suo nome dal distretto ugandese dove è stato isolato per la prima volta: la sua circolazione in tutto il territorio regionale è oggetto di costante monitoraggio ed è comunque in calo in Emilia Romagna.

I serbatoi del virus sono gli uccelli selvatici e le zanzare (più frequentemente quelle comuni, del tipo Culex), le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione all’uomo. La rete di sorveglianza è continua e coordinata a livello locale dal Settore controllo infestanti del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Piacenza.

La situazione nella provincia di Piacenza è stata relativamente tranquilla per tutta l’estate. Sul nostro territorio la circolazione del virus è stata sempre minore rispetto ad altre zone e il lieve rialzo degli ultimi giorni ci mantiene al di sotto delle medie regionali.

Incubazione e sintomi – Nell’uomo, la malattia ha un’incubazione di pochi giorni ed i sintomi sono inapparenti nell’80% dei casi; quando si manifesta, si riscontra febbre elevata con malessere generalizzato, dolori muscolari e articolari, fino a casi di encefalite. Queste due ultime evenienze sono fortunatamente molto rare (circa 1 su mille).

Nella maggior parte dei casi con sintomatologia, il malato si ristabilisce in circa una settimana, mentre nei casi più gravi possono residuare danni neurologici più o meno importanti. In Emilia Romagna si sono riscontrati da giugno a oggi una decina di casi di malattia umana con forma grave neuroinvasiva: a Piacenza si tratta della prima paziente accertata.

Prevenzione – Non esiste un vaccino per la febbre West Nile. Per il momento la prevenzione consiste soprattutto nel ridurre l’esposizione alle punture di zanzare. Pertanto è consigliabile proteggersi ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente:

· usando repellenti e indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto

· usando delle zanzariere alle finestre

· svuotando di frequente i vasi di fiori o altri contenitori (per esempio i secchi) con acqua stagnante

· cambiando spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali

· tenendo le piscinette per i bambini in posizione verticale quando non sono usate.

La malattia neuroinvasiva da West Nile virus si manifesta prevalentemente negli ultrasessantenni con un rischio che incrementa al progredire dell’età e nelle persone con diabete, ipertensione, malattia renale e con patologie che determinano immunodepressione; è quindi necessario porre particolare attenzione a luoghi ove questa tipologia di cittadini vive e si concentra.

Non è necessario operare una disinfestazione con prodotti per eliminare gli insetti adulti in un’area definita attorno alla residenza dei soggetti ammalati perché, a differenza di quanto succede con altre malattie virali trasmesse da zanzare (Chikungunya, Dengue o Zika), l’uomo non contribuisce a diffondere la malattia.

Nella situazione attuale è opportuno attuare comportamenti corretti sia rispetto alla protezione dalle punture sia alle misure di contrasto alla proliferazione delle zanzare. Si precisa che alla fine dell’estate le zanzare comuni (Culex) cominciano a pungere anche al crepuscolo e non solo in ore notturne.

Terapia e trattamento – Non esiste una terapia specifica per la febbre West Nile. Nella maggior parte dei casi, i sintomi scompaiono da soli dopo qualche giorno o possono protrarsi per qualche settimana.

Nei casi più gravi è invece necessario il ricovero in ospedale, dove i trattamenti somministrati comprendono fluidi intravenosi e respirazione assistita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.