PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al via la nuova stagione del Teatro Duse: apre sabato Leonardo Manera

Al via la terza stagione teatrale al Duse di Cortemaggiore (Piacenza), una realtà che si sta confermando già da tre anni sotto la direzione artistica di Luca Tacchini, consigliere comunale e responsabile delle attività teatrali.

LA LOCANDINA CON IL PROGRAMMA DEGLI SPETTACOLI

Come ormai d’abitudine la stagione nasce dalla collaborazione tra amministrazione comunale ed Associazione turistica Cortemaggiore, che con entusiasmo sovvenziona gran parte degli eventi del paese; e la stagione teatrale non fa certo eccezione.

Tante le novità: la più importante riguarda la data di apertura, affidata quest’anno ad un artista di rilevanza nazionale. Sarà infatti Leonardo Manera ad inaugurare la stagione sabato 20 ottobre (ore 21) con “ITALIAN BEAUTY”, spettacolo che indaga con sottile umorismo i paradossi di un paese pieno di contraddizioni.

La seconda novità riguarda l’aumento del numero delle date che animeranno la rassegna, quattordici tra ottobre e maggio (quattro in più dell’anno scorso), mentre la presenza sempre più numerosa di artisti e compagnie provenienti da ogni parte d’Italia porterà nuovi punti di vista e d’interpretazioni.

Le proposte saranno varie e spazieranno dai testi classici al dialetto, al teatro d’improvvisazione e per bambini, passando attraverso commedie moderne ed il cinema per i più piccoli.

“La scelta di offrire una gamma eterogenea di spettacoli – spiega Luca Tacchini – è stata fatta per cercare di avvicinare tutti al teatro. Infatti crediamo che la stagione debba svolgere anche una funzione sociale e di aggregazione: per questo motivo l’ingresso sarà sempre libero, ad eccezione dello spettacolo di Manera”.

“Anche dal punto di vista tecnico abbiamo fatto passi avanti, dotando la struttura di un nuovo e professionale impianto audio e luci in grado di soddisfare le esigenze degli artisti e delle compagnie. Il nostro auspicio è che il teatro, dopo questi primi tre anni di programmazione, possa diventare sempre più grande e che sempre più persone possano ammirare il gioiello che è”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.