PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alla scoperta della chiesa di S. Bernardino e del santuario di S. Rita

Alla scoperta della chiesa di S. Bernardino e del santuario di S. Rita.

Una nuova visita guidata a cura del coordinamento delle guide turistiche abilitate della città “Scopri Piacenza”; domenica 21 ottobre continua la serie dedicata alle chiese degli ordini mendicanti, alla ricerca delle caratteristiche peculiari dell’architettura dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini.

I Cappuccini sono una delle tre famiglie che oggi compongono l’ordine di S. Francesco, nata nel 1525 e quindi l’ultima dal punto di vista cronologico. Pur rimanendo all’interno dell’ordine dei Minori, si presentano alternativi rispetto ad essi, con una diversa interpretazione della Regola e del Testamento di Francesco, come della tradizione storica e agiografica. Non possiedono nulla, i loro mezzi di sussistenza sono ridotti al minimo, il loro lessico è specifico e disciplinato, le loro architetture sono essenziali.

Il nuovo ordine ha progettato chiese dalle caratteristiche proprie, sviluppato una vera e propria poetica della luce e prestato particolare attenzione all’apparato decorativo ed alla forma del tabernacolo.

A Piacenza i Cappuccini si sono insediati nel 1565 e si sono segnalati per l’importante azione sociale e culturale, ospitando fino al 1964 uno Studium di Filosofia. La chiesa ed il convento sullo stradone Farnese sono da sempre luogo di carità e cura dei malati.

Nel 1943 viene realizzata la cappella dedicata a S. Rita da Cascia, da allora oggetto di una fervente devozione da parte dei piacentini, tanto da far dimenticare la primitiva ed ufficiale dedicazione della chiesa a S. Bernardino.

Negli ultimi tempi la chiesa dei Cappuccini si è segnalata per la presenza di un interessante S. Francesco che riceve le stimmate opera del Guercino, ma vi si possono ammirare anche opere del Malosso, di Robert de Longe, Bernardino Campi e Guido Reni. Risale invece alla metà del Novecento l’apparato decorativo a fresco con storie di S. Francesco e di S. Rita realizzato dal pittore veronese Carlo Donati.

Domenica 21 ottobre alle 15,30 l’appuntamento è sul sagrato della chiesa di S. Bernardino, Stradone Farnese (il convento è al civico n 63)

Quota di partecipazione € 5,00

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.