PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eccesso di legittima difesa “Il comune paghi le spese legali”. Sì in consiglio

Il “fondo per il patrocinio gratuito a sostegno dei cittadini piacentini vittime delle criminalità” fa litigare la maggioranza di centrodestra in consiglio comunale.

Al centro del contendere una mozione presentata dalla Lega per l’istituzione un nuovo fondo economico per sostenere le spese di difesa di piacentini “accusati di eccesso colposo di legittima difesa e di omicidio colposo per aver difeso se stessi”.

Una mozione che ha atteso di essere discussa molti mesi nell’aula di Palazzo Mercanti, ma che senza un regolamento attuativo rischia di diventare un proclama senza applicazione pratica.

Nella sua presentazione Lorella Cappucciati (Lega) ha rimarcato il grande valore politico del provvedimento (già ritirato una volta e riformulato) e ha fatto un appello alle altre forze politiche per ottenere un ampio sostegno.

Tuttavia nel corso del confronto un aula sono state sollevate parecchie eccezioni, anche da esponenti del centrodestra. Innanzitutto l’inapplicabilità del fondo senza una regolamento di attuazione. Obiezione posta da Tommaso Foti (Fratelli d’Italia), mentre il gruppo di Forza Italia ha manifestato la sua contrarietà.

“Se di un Fondo comunale si deve discutere, sostengono gli azzurri, questo dovrebbe sostenere tutti quei cittadini che, ingiustamente accusati di un reato, abbiano dovuto affrontare esose spese legali per esercitare il diritto alla difesa in un processo penale da cui sono usciti assolti, indipendentemente dal reato contestato loro”.

“Tecnicamente è evidente che l’istituzione del fondo è inutile in assenza di regolamento, un conto è amministrare una città e un conto è piantare delle bandierine” – ha aggiunto Massimo Trespidi (Liberi).

I consiglieri del Partito Democratico hanno espresso la loro opinione avversa, gli esponenti del Movimento 5 Stelle non hanno partecipato al voto, così come Roberto Colla (Piacenza più) e Gianluca Bariola (Piacenza del Futuro).

Alla fine la mozione è stata approvata con soli 16 voti a favore, 5 contrari e 11 non partecipanti al voto.

“IMBARAZZANTE IL SILENZIO DELLA GIUNTA” – Nota di Gloria Zanardi (consigliera Gruppo Misto)In consiglio comunale, si è discusso in merito alla mozione presentata dalla consigliera Cappucciati della Lega Nord, sottoscritta dagli altri consiglieri del suo gruppo e da me, che ne ho condiviso, sin dal principio, le motivazioni e il contenuto.

La mozione proponeva di istituire un fondo per il patrocinio legale gratuito a sostegno dei cittadini vittime di reati contro il patrimonio o contro la persona, accusati di eccesso di legittima difesa, e di prevedere che il Comune valuti la possibilità di costituirsi parte civile nei processi, al fianco dei propri cittadini, per fatti che cagionano all’ente un danno patrimoniale o di immagine.

Chiaramente ho votato favorevolmente, dispiaciuta che oggi, sui giornali, la notizia della spaccatura della maggioranza consiliare sulla mozione abbia prevalso – come era ovvio che fosse – rispetto al contenuto della stessa.

Credo che, soprattutto in questo periodo storico, le istituzioni – la politica – debbano dare un chiaro segnale di sostegno ai cittadini onesti che subiscono aggressioni. I tecnicismi li lasciamo ai burocrati. I problemi della formulazione del dispositivo si superano se c’è la volontà di raggiungere il risultato.

Le motivazioni addotte da qualche consigliere in merito al fatto che si sta avviando l’iter parlamentare per modificare l’istituto della legittima difesa a livello nazionale non sono fondate, almeno secondo il mio punto di vista. Io non sono solita attendere le mosse di altri. La legge probabilmente arriverà, me lo auguro, ma senza certezze sulle tempistiche e sui dettagli; nel frattempo se si può fare qualcosa per dare risposte sul tema, non vedo perché non farlo.

La nota stonata è stata sicuramente il voto contrario di Forza Italia (tra l’altro non dirimente) che non comprendo e non condivido; un po’ imbarazzante anche il silenzio assordante della giunta e del sindaco che non si sono espressi nel merito della mozione. Comunque quel che conta è il risultato, come sempre, auspicando che l’approvazione di questa mozione non cada nel vuoto, come altre su cui si attende ancora che vengano adottati provvedimenti concreti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.