PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In Fondazione una serata alla scoperta della musica contemporanea

Dopo le prime due serate di grande successo, al Conservatorio Nicolini e alla Basilica di San Sisto (data in collaborazione con il Festival Antichi Organi), il festival incó_ntemporanea si sposta all’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano per il concerto di sabato 27 ottobre, alle ore 21.15.

Una serata a ingresso libero e gratuito per approfondire la musica del nostro tempo, composta negli ultimi anni, nell’interpretazione di giovani e talentuosi pianisti e dell’ensemble collettivo_21.

Gli “Incontri contemporanei” nascono da un’idea di Davide Cabassi con la Primavera di Baggio, con cui il collettivo_21 ha collaborato nell’edizione 2017 e anche quest’anno; sono stati una serie di appuntamenti al Magazzino Musica di Milano con vari compositori.
 Un’occasione di incontro e di crescita per i musicisti che di volta in volta hanno interpretato i diversi pezzi, ma anche per il pubblico che ha avuto modo di prendere parte a un dialogo aperto e stimolante.

L’appuntamento di sabato 27 ottobre sarà un concerto con un programma eterogeneo attraverso il quale esplorare la produzione degli ultimi anni, nel lavoro di Irlando Danieli, Stefano Gervasoni, Alessandro Solbiati e Fabio Vacchi.

Non solo musica: i vari pezzi saranno anche introdotti con brevi interventi che forniranno una chiave di lettura al pubblico, rendendo l’ascolto ancora più stimolante.

“La collaborazione con diverse realtà è certamente uno snodo fondamentale di quest’edizione del festival, che si propone tra i suoi obiettivi quello di fornire al pubblico una panoramica di un secolo così ricco di musica come il Novecento, ma anche di esplorare la produzione strettamente contemporanea” – afferma Claudia Ferrari, di incó_ntemporanea.

“Il concerto di sabato sarà un’occasione davvero speciale in questo senso, frutto di un percorso di approfondimento in cui i musicisti per primi si sono messi in gioco e proprio per questo sono certa sapranno far trasparire l’intensità del lavoro fatto sulla musica, come sempre vera protagonista della serata” .

Con l’appuntamento alla Fondazione – istituzione che sostiene tutto il progetto – si raggiunge la metà di questo festival, che proseguirà poi con altri tre appuntamenti, il 10 novembre alla Sala Consiliare della Provincia di Piacenza, il 18 novembre di nuovo all’Auditorium della Fondazione e il 24 novembre per la serata conclusiva al Teatro Municipale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.