PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fondo speciale e conto corrente del condominio, l’intervento di Sforza Fogliani

Fondo speciale e conto corrente

L’intervento di Corrado Sforza Fogliani, presidente Centro studi Confedilizia

L’art. 1135 cod. civ. prevede la costituzione di un fondo speciale per le opere straordinarie e le innovazioni. In particolare, l’articolo in parola, che tratta delle attribuzioni dell’assemblea, stabilisce, al primo comma, n. 4, che la stessa provvede a deliberare sulle “opere di manutenzione straordinaria” e sulle “innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all’ammontare dei lavori”, aggiungendo, poi, che, “se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo può essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti”.

Ciò posto, in questa sede interessa porre l’attenzione sul fatto che il fondo in questione, raccogliendo somme finalizzate al pagamento di specifici lavori deliberati dall’assemblea, deve essere tenuto ben distinto dai contributi versati dai condòmini per la gestione ordinaria annuale del condominio.

In tal modo, infatti, eventuali inadempienze nel pagamento delle somme destinate al fondo possono essere subito individuate consentendo così, da un lato, all’amministratore di adempiere puntualmente all’obbligo – impostogli dall’art. 63, primo comma, Disposizioni di attuazione cod. civ. – di comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino (e, quindi, nella specie, all’impresa cui sono stati affidati i lavori e che richiede quanto le spetta) i dati dei morosi; dall’altro, consentendo agli stessi creditori di dare celermente avvio alle conseguenti azioni esecutive.

È, dunque, importante che venga tenuta una contabilità separata per i lavori straordinari e le innovazioni e che, insieme a ciò, venga costituito un conto corrente ad hoc – ovviamente anch’esso intestato al condominio – sul quale far confluire la provvista relativa al primo pagamento contrattuale previsto e così via per i successivi stati di avanzamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.