PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gli studenti di architettura ripensano il quartiere Ciano foto

Sarà inaugurata sabato 27 ottobre alle 11 la mostra “Ritorno al Futuro” realizzata da Acer con i progetti e i plastici di quaranta studenti del Politecnico di Milano, sede di Piacenza, della Facoltà di Architettura.

Undici nuovi modi di “ridisegnare” uno dei quartieri più famosi nella storia delle case popolari di Piacenza. Una storia iniziata nel 1936 quando l’Istituto Fascista delle Case Popolari inizia un’opera di risanamento dei vecchi quartieri cittadini per la creazione di alloggi destinati alle fasce più deboli della popolazione.

Le prime case dei 225 alloggi previsti sono consegnate nell’ottobre del 1939. Inizia così la storia umana e personale dei suoi abitanti, ancora oggi ammaliati dal fascino e dalla magia che avvolge il quartiere.

La rivisitazione del quartiere di San Sepolcro è stato tema di esame per i quaranta studenti che, divisi in dieci gruppi, hanno dovuto rivedere le criticità del quartiere: dalla riqualificazione del verde ai problemi del riscaldamento per i primi e gli ultimi piani; dalla sistemazione dei garage e delle cantine ai problemi degli spazi comuni e della difficile gestione di un’integrazione che è ancora lontana dal vedere la sua soluzione.

La mostra, oltre all’esposizione dei plastici e dei disegni degli Architetti di domani, ripercorre la storia del quartiere con immagini d’epoca ed attuali a confronto.

Durante la visita sarà inoltre possibile vedere il cortometraggio di Davide Calda che ha vinto un importante premio nel 2012 a Sanremo, con interviste agli abitanti del quartiere che, oggi, sono anche persone conosciute nel panorama dello spettacolo e della cultura piacentina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.