PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Invito a Palazzo”: visite aperte alla sede della Fondazione

La Fondazione di Piacenza e Vigevano apre le porte di Palazzo Rota Pisaroni alle visite guidate gratuite, in programma sabato prossimo, 6 ottobre. E’ l’iniziativa Invito a Palazzo, varata da ABI in collaborazione con Acri e giunta quest’anno alla XVII edizione, nata per far conoscere al pubblico gli straordinari patrimoni artistici e architettonici, gli arredi e le opere d’arte di ogni epoca, custoditi e tutelati dalle Banche e dalle Fondazioni nelle proprie sedi, normalmente chiuse al pubblico perché luoghi di lavoro.

La Fondazione, che aderisce al progetto, aprirà dunque alle visite Palazzo Rota Pisaroni: dalle 10 alle 19, ogni trenta minuti circa, sarà possibile visitare con l’accompagnamento di una guida le sale dell’edificio settecentesco che ospita l’ente nonché l’Antiquarium del complesso di Santa Margherita, sede dell’Auditorium dell’ente.

Palazzo Rota Pisaroni, in via S. Eufemia 13, è una delle dimore patrizie più importanti di Piacenza per pregi artistici e storici. La facciata è ornata da cornici marcapiano e caratterizzata da fini stucchi. L’ingresso, in granito rosa, si apre su un porticato a cinque archi.

Dalla scala cortilizia si accede ai locali del piano nobile: due decorati a stucco e gli altri cinque ornati da medaglie affrescate da Luigi Mussi. Tra queste spicca, nel soffitto del grande salone d’onore, La caduta di Fetonte. Una ventina di dipinti ornano le pareti: le nature morte di fiori, frutti e animali di Margherita Caffi; le Quattro stagioni di Ludovico Trasi; le Donne famose dell’antichità di scuola emiliana del XVII secolo. Negli altri ambienti spiccano altre medaglie affrescate dal Mussi.

Antistante a Palazzo Rota Pisaroni sorge il complesso di Santa Margherita (via S. Eufemia 12) sede dell’Auditorium e dell’Antiquarium della Fondazione. Gli spazi sotterranei offrono testimonianze dal II secolo a.C. al XVIII: un percorso declinato in pannelli didattici, una cripta e l’esposizione di una scelta ragionata di reperti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.