PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Juventus dà la precedenza alla Champions League

Più informazioni su

Doveva essere una partita facile come le altre. Invece lo scontro in campionato contro il Genoa è stato più difficile del previsto, con la Juventus che ha lasciato in casa due punti per via del pareggio per 1 a 1, risultato per altro più che giusto.

Non è bastato il goal dell’1 a 0 momentaneo di un Cristiano Ronaldo, che sta iniziando ad ambientarsi in Italia e ha capito come dover sgomitare per trovare più facilmente la via della porta. La squadra allenata da Massimiliano Allegri ha dimostrato di avere ancora delle lacune, soprattutto in difesa, e di poter migliorare ulteriormente.

La rete incassata è stato la dimostrazione che quello della Juve è un cantiere ancora aperto, nonostante i bianconeri abbiano ancora a disposizione un notevole vantaggio sulla seconda, il Napoli, a quattro punti di distacco dopo la vittoria in trasferta ad Udine.

I bianconeri, che in campionato sono gli assoluti favoriti secondo le quote delle scommesse sulla Serie A, avevano evidentemente la testa alla Champions League, la vera spina nel fianco di una squadra capace di vincere sette titoli italiani consecutivi. Dopo aver raggiunto due finali negli ultimi quattro anni ed averle perse entrambe, Allegri è sicuramente più intenzionato a far bene in Europa che in Italia, dove sembra non aver rivali.

L’incontro con il Manchester United dell’ex Paul Pogba ha avuto come scenario lo stadio di Old Trafford, dove aveva iniziato a farsi conoscere proprio Cristiano Ronaldo, acquistato quest’estate dalla Juve per aumentare la potenza della rosa a disposizione e puntare proprio al titolo europeo, che il portoghese ha vinto per ben cinque volte. Dopo aver scontato una giornata di squalifica, il numero 7 bianconero è stato tra i titolari nella vittoria per 1 a 0 degli uomini di Allegri, i quali sono stati nettamente superiori a quelli allenati da José Mourinho, un allenatore che spesso si era scontrato con il tecnico bianconero a livello dialettico e dal punto di vista della strategia tecnica. La rivincita di Allegri, seppur tardi, è arrivata al momento giusto.

Dopo tale vittoria, la Juventus ha rafforzato il suo dominio al primo posto del girone H, il che lascia presagire che molto probabilmente i bianconeri finiranno davanti a tutti nella prima fase della Champions, ottima notizia in quanto questo riserverebbe alla Vecchia Signora un’avversaria più abbordabile agli ottavi di finale.

Rispetto all’anno scorso, quando furono eliminati dal Real Madrid ai quarti di finale, i bianconeri possono ora contare innanzitutto su Ronaldo in attacco ma anche sul ritorno di un Bonucci, che insieme a Chiellini è stato tra i migliori nella vittoria di Manchester.

La prestazione del “figliol prodigo” di ritorno da un’annata al Milan, è stata evidenziata anche da Mourinho, il quale ha affermato che Bonucci e il compagno di scorribande in difesa “potrebbero dare lezioni ad Harvad su come si difende”.

In questo contesto, dunque, non sorprende che la Juventus stia dando priorità alla Champions League rispetto al campionato. Perché, si sà, vincere in Europa è il grande obiettivo di quest’anno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.