PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La manifestazione per sostenere il modello Riace del sindaco Luciano foto

Anche a Piacenza un gruppo di cittadini è sceso in piazza per manifestare a sostegno del sindaco di Riace Mimmo Lucano, arrestato nei giorni scorsi con le accuse di concussione e truffa.

Luciano è diventato celebre anche fuori dall’Italia in questi anni per il modello di integrazione dei migranti attuato nel suo paese.

I manifestanti, che si sono ritrovati all’inizio del Pubblico Passeggio, hanno difeso l’operato del sindaco anche con un testo che riportiamo di seguito.

Lunedì Mimmo Lucano, sindaco di Riace, e la sua compagna Tesfahun Lemlem sono stati messi agli arresti domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. Sono invece state cassate le accuse gravissime di malversazione, concussione e truffa ai danni dello stato.

Sappiamo cosa significa, per noi, per l’Italia e per il mondo, l’opera compiuta dal sindaco Lucano a Riace: un esperimento unico di gestione dell’immigrazione come risorsa per un paese che stava morendo, di convivenza pacifica e di utilizzo dei fondi pubblici per una vera integrazione.

A Riace i migranti sono ospitati nelle case disabitate del paese, concesse loro in comodato d’uso gratuito, e i soldi statali ed europei vengono girati a cooperative, di cui fanno parte migranti e riacesi, che danno la possibilità a profughi e richiedenti asilo di imparare un mestiere tramite ‘borse lavoro’ che assicurano loro un piccolo stipendio.

Tramite un sistema di bonus gli stranieri possono fare acquisti, il che ha fatto riaprire molte botteghe di ceramica e tessitura, bar e panetterie, dove gli ospiti hanno imparato un mestiere.

Un’organizzazione sociale, quella di Riace, che si regge sulle proprie gambe, in cui i fondi pubblici vengono utilizzati per una vera integrazione e la crescita umana e professionale dei migranti. Un paese in cui migranti e autoctoni vivono in pace e in serenità, perché tutti hanno il necessario per vivere e mantenere la famiglia.

Dunque da cosa è stato motivato il provvedimento della Procura di Locri? Forse dalle continue accuse del Viminale verso un vero progetto sostenibile di integrazione? Perché Riace è un esempio positivo, esportabile anche in altre realtà, del tutto opposto alla linea dei porti chiusi e del “ricacciamoli in mare”.

La paura che questo esempio si possa diffondere, anche per la sua (relativa) visibilità mediatica, che l’ha portato sulle pagine della rivista americana “Fortune” come “possibile soluzione alla crisi dei rifugiati in Europa”.

Il modello-Riace risolleva per tutti noi una forte speranza che le cose si possano fare diversamente, con più umanità e tenendo conto delle esigenze di tutti, migranti e stanziali. Trovando un modo per ottimizzare le risorse per il bene di tutti, in giustizia e umanità.

Chiediamo a questa Prefettura di far pervenire la voce dei cittadini di Piacenza al Governo, che nonostante i molti pregi dell’esperimento di Riace ha esultato all’arresto del sindaco Lucano. Restiamo umani.

DIECI CENTO MILLE RIACE!

Restiamo umani – Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.