PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Le opere a Mirafiori e Sant’Agata devasteranno il basso Trebbia”

No Tube, Legambiente, Fipsas ed Italia Nostra lanciano l’allarme “Assalto ai Fiumi”. Lo faranno nella serata del 4 ottobre (alle 21) all’Auditorium della Fondazione di Piacenza, con “un grido di dolore per quello che sta succedendo sui nostri corsi d’acqua, il Trebbia in particolare”.

Approfondiranno i temi della serata Fabrizio Binelli di Legambiente/No Tube e il Prof. Giuseppe Marchetti di Italia Nostra.

“Si stanno concretizzando – affermano le associazioni – una serie di progetti che stravolgeranno completamente alcuni dei tratti più belli del basso Trebbia. Il primo progetto che purtroppo è già stato approvato è il rifacimento del sistema di derivazione di Case Buschi”.

“Questo sistema che prevedeva di derivare l’acqua di superficie con semplici barriere di ghiaia che annualmente venivano fatti, oggi viene sostituito con un’opera imponente che occupa tutto l’alveo del Trebbia, in quel punto lungo più di 300 metri, che a differenza del precedente deriverà prevalentemente l’acqua di sub-alveo, quella consistente circolazione di acqua che scorre nel sottosuolo e che alimenta le falde sotterranee da cui tutti gli acquedotti di pianura prendono l’acqua”.

“Siamo in presenza – proseguono – non solo di un’opera che impatta pesantemente sul paesaggio, ma soprattutto mette a rischio l’alimentazione della falda e quindi la qualità dell’acqua di questi serbatoi naturali da cui prendiamo l’acqua dei nostri acquedotti”.

“Non tanto per la quantità, ma soprattutto per la qualità. L’acqua del Trebbia infatti serve a diluire l’inquinamento che dalla superficie infiltra le falde acquifere mettendo a rischio la qualità dell’acqua che beviamo. Tutto questo senza che i comuni a valle delle derivazioni ed il gestore dell’acqua siano stati coinvolti”.

A questo si aggiunge il progetto che si vuole realizzare appena a valle di Rivergaro: “Anche qui – evidenziano Legambiente, No Tube, Fipsas e Italia Nostra – un sistema di barriere di ghiaia viene sostituito con una diga in cemento armato che sbarra l’intero corso d’acqua per più di 100m metri per un’altezza di 3 metri. Tutto questo per derivare una modesta quantità di acqua, poche centinaia di litri al secondo”.

“L’opera, oltre che impattare pesantemente del paesaggio a valle di Rivergaro, rende meno sicuro quel tratto di fiume con l’aumento dei livelli di piena. Questo comporterà un maggior rischio di allagamenti, in caso di piene importanti, sia sul versante del comune di Travo, che quello di Rivergaro”.

“A questi problemi – affermano ancora – si aggiungono i costi che questi interventi comporteranno. Per il progetto di Mirafiori, quasi 9 milioni di euro, mentre per quello di Rivergaro, poco più di 7 milioni di euro. In totale più di 15 milioni di euro totalmente a carico delle casse dello Stato, e quindi di tutti noi”.

“Tutto questo senza che all’agricoltura piacentina venga fornito un solo litro in più di acqua per l’irrigazione. La cosa peggiore è che questi progetti vengono motivati non con lo scopo di aumentare la disponibilità di acqua, ma per migliorare le condizioni economiche ed ambientali delle derivazioni”.

“Siamo all’assurdo – concludono -: si devasta l’ambiente del basso Trebbia e si sperpera denaro pubblico per migliorare l’efficienza del sistema irriguo, miglior efficienza che non mette a disposizione neanche un litro in più di acqua”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.