PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Leo Nucci a Lodi con il coro Vallongina per beneficenza foto

Il Concerto di Leo Nucci a Lodi con la partecipazione del Coro Vallongina: un vero successo per tutti.

Sul paco il baritono Nucci, il gruppo orchestrale “Italian Chamber Opera Ensemble” preparato dal Maestro Paolo Marcarini, il Coro Vallongina, con la lettura di brani scelti dallo stesso Nucci per dare, in occasione della festa dell’Associazione Unitalsi, un giusto risalto al valore grande dell’assistenza ai malati.

Grande l’entusiasmo manifestato dal folto pubblico, compresi in prima fila i tre vescovi di Lodi, due emeriti e quello attuale, monsignor Maurizio Malvestiti.

Da parte del Coro Vallongina riceviamo le seguenti considerazioni.

Ci sono esperienze che ti ripagano per le fatiche che si fanno per raggiungere un obiettivo, e l’obiettivo che si propone ogni Coro è sicuramente quello di cantare in luoghi idonei all’ascolto della musica, davanti a un pubblico caloroso, ricevendo i complimenti da parte di chi vive in questo mondo artistico.

Questa è l’esperienza vissuta dal Coro Vallongina partecipando a Lodi al Concerto che Leo Nucci ha tenuto nell’auditorium della Banca popolare di Lodi, un ambiente nel quale comodità e perfetta disposizione dei posti a sedere per circa 800 persone ben si accompagna ad una acustica pressoché perfetta.

Dover cantare al cospetto del grande baritono Leo Nucci, cantando anzi alcune arie insieme con lui, accompagnati dagli orchestrali dell’ Ensemble del M° Marcarini, se alla vigilia aveva dato ai coristi un qualche timore reverenziale, appena usciti in scena ogni remora s’è sciolta, anzi man mano che il programma andava avanti il Coro si sentiva sempre più a suo agio.

Alla fine i tanti elogi ricevuti, soprattutto quelli dello stesso Nucci che nei brani cantati col Coro ha voluto essere diretto da don Roberto, hanno dato una carica notevole ai cantori che sicuramente da queste esperienze esaltanti si sentiranno più stimolati ad affrontare le fatiche delle prove settimanali.

Alla fine del Concerto, il fuori programma col quale Nucci si congeda ogni volta, il canto del “Non ti scordar di me”, ha assunto un significato particolare: l’amicizia che il baritono aveva già con don Roberto Scotti, il Direttore del Coro Vallongina, si è allargata a tutto il Coro con la promessa di ritrovarci presto sia in futuri Concerti che in altri momenti più distensivi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.