PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Poker del Piace a Busto (1-4). Biancorossi in vetta COMMENTO

Più informazioni su

AURORA PRO PATRIA 1919 – PIACENZA CALCIO 1919 1-4 (0-1)


IL COMMENTO di Luigi Carini

Giù il cappello: passa la capolista. Naturalmente è ancora molto presto per guardare la classifica, peraltro incompleta perché mancano tantissime partite da recuperare proprio da parte delle squadre più titolate ed attrezzate per puntare alla promozione, ma, intanto, godiamoci questo momento che ha un particolare significato in quanto a Busto Arsizio contro una Pro Patria sicuramente non eccelsa dal lato tecnico ma volitiva ed agonisticamente assai vigorosa, si è visto il miglior Piacenza di stagione a conferma di una crescita costante con qualche passaggio a vuoto ma sempre proiettata ad un consolidamento tecnico tattico, ovvero ciò che si visto in terra lombarda.

Spesso, parlando della quadratura del cerchio, avevamo notate le difficoltà di Franzini di trovare il miglior assestamento tattico; difficoltà dovute in buon parte alle numerose indisponibilità dei centrocampisti che, una volta ritrovati, sono stati messi in campo secondo raziocinio ed acume tattico. Sestu, Nicco, Marotta ed il redivivo Corradi hanno dato solidità e raziocinio alla manovra che ha in Dalla Latta e Di Molfetta due incursionisti di notevole efficacia.

In avanti si aspettava la crescita di Pesenti e questa è arrivata e, con un Pesenti ritrovato la manovra può finalmente trovare quegli sbocchi fino qualche tempo fa difficoltosi.

Nel finale di partita, poi, Franzini è ritornato su di un modulo ultimamente provato con scarso successo: fuori Pesenti e dentro Romero e Fedato e, a conferma che quando funziona il centrocampo ogni tattica diventa positiva, anche questa mossa è stata fruttifera perché il gol di Fedato può essere molto importante nell’ottica di un suo recupero trattandosi di un attaccante sicuramente dotato.

A voler essere perfezionisti ci sono ancora alcune sbavature difensive di troppo. Se Mastroianni non avesse confermato la sua allergia al gol (lacuna che gli sportivi biancorossi ben conoscono) la partita avrebbe potuto avere un corso ed un verdetto diverso.

Quello che riorna da Busto Arsizio, dunque, è un Piacenza con nuove certezze e nuove consapevolezze; mercoledì a Vercelli sarà un banco di prova assai importante. Non sarà facile confermarci anche perché l’avversario sarà di un’altra levatura, ma una cosa è certa: che questo Piacenza può giocarsela con tutte.

TABELLINO – Marcatori: 30′ p.t. Della Latta, 3′ e 24′ s.t. Pesenti (PIA), 34′ s.t. Di Sabato (PP), 49′ s.t. Fedato (PIA).

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Tornaghi; 4 Battistini, 19 Zaro, 15 Boffelli; 20 Mora (36′ s.t. 10 Le Noci), 21 Colombo (21′ s.t. 8 Di Sabato), 14 Bertoni, 13 Gazo (7′ s.t. 24 Pedone), 3 Galli (7′ s.t. 24 Pedone); 17 Mastroianni (21′ s.t. 9 Gucci), 11 Santana.

A disposizione: 12 Mangano, 2 Marcone, 5 Molnar, 6 Molinari, 7 Pllumbaj, 18 Lombardoni, 23 Ghioldi. All. Javorcic.

PIACENZA CALCIO 1919 (4-2-3-1): 1 Fumagalli; 20 Di Molfetta, 5 Bertoncini, 4 Pergreffi, 25 Barlocco (26′ s.t. 3 Cauz); 21 Marotta, 18 Della Latta (26′ s.t. 23 Spinozzi); 7 Sestu (38′ s.t. 19 Fedato), 8 Nicco, 10 Corradi; 9 Pesenti (38′ s.t. 28 Romero).

A disposizione: 12 Verderio, 22 Calore, 6 Sylva, 15 Siviero. All. Franzini.

ARBITRO: Marco Monaldi di Macerata (Simone Amantea Sezione di Milano e Massimiliano Bonomo della Sezione di Milano).

Angoli: 3 – 4

Recupero: 0′ p.t. – 5′ s.t.

Ammoniti: Mora, Pedone, Santana (PP); Nicco, Fedato, Pesenti (PIA).

Note: Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 1169.

Il Piacenza calcio chiude la partita a Busto con un quarto gol al 90′ di Fedato e un risultato finale di 1 a 4. I biancorossi tornano a casa con altri tre punti e mantengono il vertice della classifica del girone A di serie c.

Le parole di mister Franzini al termine del match

Secondo tempo – Il secondo i apre subito in favore del Piace che raddoppia a quattro minuti dalla ripresa del gioco.

La palla arriva da Nicco per Pesenti, che riesce a infilare la rete. Seguono al 58′ un’ammonizione per Mora, contestata dall’arbitro nei confronti di Sestu, che pochi minuti dopo estrae il cartellino giallo anche per Nicco. Al 69′ Terzo gol per il Piacenza e secondo per Massimiliano Pesenti, che regala ai biancorossi il vantaggio sui padroni di casa per 0 a 3.

All’80’ arriva la risposta del Pro Patria; Sané serve Disabato che mette la palla in porta e fa guadagnare il primo gol della partita ai padroni di casa, portano il risultando sull’1 a 3.

I biancorossi mantengono il vantaggio e al 90′ arriva anche una quarta rete di Fedato, che chiude la partita per 1 a 4.

Primo tempo – Il Piacenza chiude in vantaggio il primo tempo della partita allo “Speroni” di Busto Arstizio, grazie a una rete firmata da Della Latta al 31′. Il match si è aperto con un’occasione a pochi minuti dal fischio d’inizio per i biancorossi, con tiro in porta Di Molfetta deviato dalla difesa della Pro Patria.

All’8’ gli avversari replicano con un pericoloso colpo di testa di Mastroianni, ma il pallone viene bloccato da Fumagalli. Al 14’ si fa avanti Mastroianni, approfittando di un errore della difesa dei piacentini, ma la sfera finisce a lato della porta. Ancora una buona occasione per gli uomini di mister Franzini al 19’ con Pesenti, ma il suo colpo di testa non arriva alla rete.

Lo stallo della prima mezzora di gioco finisce al 31’ con un gol di testa di Della Latta che sorprende Tornaghi e porta il Piacenza in vantaggio. Il Pro Patria prova a replicare subito dopo ancora con Mastroianni, ma il colpo dalla distanza finisce nuovamente sul fondo.

Il match prosegue acceso con qualche opportunità in più per i padroni di casa, che non riescono però a finalizzare e il risultato resta fermo sullo 0 a 1, in favore del Piace.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.