PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spi Cgil, rieletto Baldini: “Guardiamo avanti con speranza”

Più informazioni su

Che le quarantasette assemblee organizzate a Piacenza e provincia fossero state molto partecipate, animate da donne e uomini e dense di analisi politiche e prospettive sociali è parso chiaro dall’avvio del Congresso provinciale dello Spi Cgil di Piacenza. Ovvero dall’intervento del segretario provinciale uscente, Luigino Baldini.

L’assise massima dell’organizzazione che sul nostro territorio conta oltre 15mila iscritti ha prodotto risultati importanti: un documento su previdenza, fisco e diritti. Che lancia una vertenza nazionale sulla sanità pubblica.

Nel corso del dibattito sono emersi: una proposta per la riconversione di una struttura comunale alla Farnesiana in un centro per anziani non-autosufficienti, il lancio di una petizione popolare sul trasporto pubblico (destinatario: Palazzo Mercanti) per far tornare il bus gratis per gli over 65 “e gli adolescenti, soggetti deboli oggi in questa città, con la chiusura di spazi e luoghi di aggregazione”.

E poi: sanità, con l’abolizione dei superticket; le politiche di genere, con Baldini che ha parlato di “lavoro straordinario” del Coordinamento Donne Spi. Un congresso che ha fatto sintesi di un mondo ampio come quello dei pensionati che ha lanciato l’allarme sui temi della legalità e della qualità della vita della popolazione, sia in termini sociali che ambientali.

La discussione si è sviluppata a partire dalle parole di Luigino Baldini, riconfermato segretario al termine del Congresso, ed è passata dall’intervento del segretario della Camera del Lavoro Gianluca Zilocchi e dalle conclusioni del segretario regionale Spi Enzo Santolini. Memoria e futuro nella relazione di Baldini.

“Il nostro Paese sembra vittima di una deriva xenofoba e razzista, si susseguono assalti ai simboli della lotta di Liberazione. Noi qui ci auguriamo un’Italia multirazziale e multiculturale, che accolga e non respinga chi è in difficoltà”.

Un aneddoto, secondo Baldini, è il miglior auspicio per il futuro del territorio. “In un nido qui a Piacenza, nei giorni scorsi – ha ricordato Baldini – ho visto un bambino avvicinarsi a una bambina di colore, e rimanere abbagliato e incuriosito dalle treccine colorate. Non dal colore della pelle, ma da quelle treccine. Ecco, mi piacerebbe che avessimo quello sguardo. Guardiamo avanti con speranza” ha concluso il segretario dei pensionati. (Nota stampa)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.