PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Teleassistenza sulle macchine agricole, oscar dei costruttori alla Tecnovict di Pianello

Teleassistenza sulle macchine agricole, oscar dei costruttori alla Tecnovict di Pianello (Piacenza), ditta specializzata in macchine per la viticoltura.

Il premio sarà consegnato all’azienda, per la sesta volta, il 10 novembre prossimo a Palazzo Re Enzo, in Piazza Maggiore a Bologna. L’evento si tiene in occasione di Eima 2018, Esposizione Internazionale di Macchine per l’Agricoltura e il Giardinaggio, manifestazione che si svolge ogni due anni.

L’Esposizione, con i suoi oltre 1800 espositori e 300mila visitatori, è una delle due manifestazioni più importanti d’Europa e tra le prime al Mondo. Il comitato organizzatore assegna i premi per l’Innovazione Tecnica e, anche per questa edizione, sarà premiata la Tecnovict di Pianello dell’ingegnere Giancarlo Spezia, per aver inventato un accessorio di teleassistenza che aiuta gli agricoltori a scoprire e risolvere un guasto alla macchina agricola.

Tecnovict ha già conquistato cinque trofei, di cui gli ultimi quattro consecutivi: così l’azienda di Giancarlo Spezia batte il suo stesso record.

L’innovazione presentata dell’Ingegner Spezia, è un accessorio che può essere montato su qualunque macchina agricola della propria gamma, costituito da un modulo elettronico in grado di fornire un servizio di teleassistenza, oltre a registrare rapporti di lavoro giornaliero della macchina.

“L’idea di poter visualizzare su uno smarthphone lo stato di tutti i componenti elettronici – spiega l’ingegnere – e scoprire la fonte di un guasto era stata varata tre anni or sono e già premiata lo scorso anno ad Enovitis in Campo. Ma l’idea innovativa consiste nell’avere inserito nel modulo anche una scheda telefonica dati ed un pulsante denominato “Aiuto””.

“Ho pensato che non tutti sono abili nel manovrare telefoni di ultima generazione, installare applicazioni, inviare con quelle i file di diagnostica al costruttore per l’interpretazione. Una volta gli agricoltori riuscivano a ripararsi da soli le attrezzature o con l’aiuto del fabbro di paese”.

“Oggi l’avvento dell’elettronica ha migliorato le prestazioni delle macchine ma ha tolto molte possibilità di provvedere in proprio, creando avversione, fastidio, senso di impotenza. Per questo motivo ho voluto fare un passo verso tutti quegli utenti meno avvezzi alle nuove tecnologie rendendo l’elettronica più amichevole e semplice da governare”.

“In caso di guasto o anomalie – aggiunge Spezia – il trattorista, premendo per dieci secondi il tasto verde sul modulo, comanderà l’invio dei dati della diagnostica al costruttore e la spedizione di un sms che avvisa della chiamata di emergenza. Una volta visionata la diagnostica da parte della Tecnovict sarà possibile individuare il componente difettoso e spedirlo al cliente oppure mettersi in contatto con l’azienda agricola per aiutare a risolvere il guasto”.

Il tema della gestione dei dati della macchina agricola è particolarmente in voga. Al concorso delle novità sono state presentati più di 60 progetti, ma l’idea presentata dalla Tecnovict ha prevalso sulle altre in virtù della semplicità con cui l’agricoltore può interagire con il sistema.

L’ingegnere Giancarlo Spezia ha dedicato questo premio alla memoria del professore Romano Demaldè, recentemente scomparso, con cui condivise, per un anno, l’insegnamento di Meccanizzazione Viticola alla Università Cattolica di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.