PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Traversa Mirafiori, rischio danni ambientali. Il Comune partecipi alla Conferenza Servizi”

Il progetto di ristrutturazione della traversa di derivazione delle acque del Trebbia in località Mirafiori nell’ambito della riorganizzazione funzionale delle derivazioni irrigue di Valtrebbia, elaborato dal Consorzio di Bonifica, è al centro di una risoluzione presentata dal consigliere comunale Antonio Levoni (Liberali), con la quale si chiede che il Comune di Piacenza possa partecipare alla Conferenza dei Servizi.

“Il progetto – scrive Levoni in parola presuppone massicce opere di captazioni idriche estese anche al subalveo del fiume; tutto questo è previsto nell’ambito di un tratto di fiume – come risulta dalle carte tematiche della Regione – in cui avviene la “ricarica” delle falde idriche profonde del sottosuolo della pianura piacentina”.

“Le captazioni della Traversa in parola, estese al subalveo, comporterebbero una deleteria lacerazione del “cordone ombelicale” che, proprio nella zona di intervento, consente l’interconnessione fra le acque del Trebbia e le falde idriche sotterranee e che a queste attinge la gran parte dei pozzi della stessa città di Piacenza, pozzi che, come risaputo, già denunciano elevati gradi di inquinamento”.

“Sono quindi evidenti – afferma Levoni – due potenziali danni ambientali che potrebbero derivare da questa riorganizzazione delle derivazioni irrigue”.

“Il Comune di Piacenza, inequivocabilmente interessato dal progetto, – prosegue – non è stato invitato a partecipare alla Conferenza dei servizi; il fatto poi che le opere siano eseguite dal Consorzio di bonifica legittima oltretutto il dubbio che lo stesso Consorzio imponga poi la contribuzione consortile nelle zone interessate direttamente o indirettamente e per una ragione o per l’altra dalla costruzione della Traversa”.

Levoni invita quindi sindaco e giunta “ad attivarsi affinché venga richiesto alla Regione e al Consorzio di Bonifica di provvedere, per quanto di rispettiva competenza, alla convocazione di una nuova Conferenza dei servizi alla quale sia invitato a partecipare con suoi esponenti rappresentativi, anche del Consiglio comunale, pure il Comune di Piacenza così che sia consentito ai suoi rappresentanti di esporre il proprio avviso e documentare le proprie preoccupazioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.