PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Indagato per l’uccisione della cagnolina, “Ora adotta un altro cane. Il sindaco intervenga”

Denunciato perché uccise la cagnolina a calci la scorsa primavera, adotta un altro cane.

Scatta l’allarme delle associazioni animaliste di Piacenza, che interpellano il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri e l’assessore alla tutela degli animali Elena Baio.

I fatti risalgono al maggio scorso, quando fu presentata da un testimone la denuncia della violenza commessa nei confronti di una cagnolina di soli 6 mesi. L’uomo fornì invece una versione diversa, e disse che la morte della cagnolina sarebbe stata causata da un boccone avvelenato.

Le indagini eseguite dai carabinieri, supportate da esami disposti dall’autorità giudiziaria presso l’istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna a Gariga di Podenzano, hanno però escluso questa versione.

L’uomo è stato pertanto denunciato per violazione dell’articolo 544 bis del codice penale, “uccisione di animali”, secondo cui è previsto che chiunque con crudeltà o senza necessità cagioni la morte di un animale possa essere punito con la reclusione da quattro mesi a due anni.

Le associazioni animaliste Arca di Noè, Enpa Piacenza, Senza Catene, Vivere Insieme, Pelosi Coraggiosi e Pandora, riferiscono che l’uomo ha adottato un altro cane (già iscritto all’anagrafe canina) e sollecitano un intervento dell’amministrazione affinché venga adottato “ogni più opportuno provvedimento diretto a prevenire episodi di maltrattamento e/o altre condotte illecite” nei confronti dell’animale.

Chiedono inoltre che venga emessa una diffida dal detenere qualsiasi animale d’affezione, oltre a predisporre controlli periodici su animali già di proprietà.

Il vicesindaco Baio “Nessuna lettera ricevuta, pronti a verificare la situazione” – Alle associazioni animaliste replica il vicesindaco di Piacenza Elena Baio, precisando che “sia il sindaco che la sottoscritta non abbiamo ricevuto alcuna lettera da parte delle associazioni aninaliste, relativamente a questa vicenda che ho appreso nel pomeriggio attraverso i quotidiani online”.

“Sarà comunque mia premura, quando perverrà la nota da parte delle associzioni, verificare la situazione per tutelare e prevenire eventuali maltrattamenti nei confronti dell’animale”.

“Sarebbe bene comunque – conclude – che le richieste di intervento venissero inviate prima all’Amministrazione Comunale che agli organi di stampa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.