PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Adesca un anziano, poi si finge incinta e pretende 3mila euro. Arrestata

Adesca un anziano della Valtidone (Piacenza) poi si finge incinta e pretende 3mila euro sotto la minaccia di rivelare tutto alla sua famiglia e di avanzare una presunta denuncia alle forze dell’ordine.

Un ricatto a cui hanno posto fine i carabinieri della stazione di Borgonovo, che si sono appostati per assistere in diretta allo scambio dei contanti e poi hanno inseguito e bloccato la donna.

Si tratta di una 29enne rumena, residente in città e pregiudicata per furto e rapina, arrestata con l’accusa di estorsione.

Una vicenda da cui emerge l’importanza di monitorare le fasce più deboli della popolazione, quali bambini e anziani, per evitare che diventino facili prede di malintenzionati, come sottolineato dal maresciallo Cosimo Scialpi, affiancato in conferenza stampa dal maggiore Stefano Bezzeccheri, comandante della compagnia dei carabinieri di Piacenza.

A consentire il provvidenziale intervento dell’Arma è stata la stessa vittima, preoccupata dalle minacce dell’amante, a tal punto da decidere di chiedere aiuto alla caserma di Borgonovo, dove si è rivolto il 28 ottobre scorso.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, circa un mese e mezzo fa l’uomo era stato “adescato” dalla giovane, con il quale aveva avviato una relazione.

Poche settimane dopo la 29enne avrebbe mostrato all’anziano una presunta ecografia che avrebbe accertato la sua gravidanza, chiedendogli la somma di 3mila euro per interromperla e aggiungendo di non voler più avere a che fare con lui. Inoltre, se non avesse consentito, avrebbe rivelato la loro relazione ai suoi famigliari e si sarebbe rivolta anche alle forze dell’ordine.

I carabinieri, raccolta la sua testimonianza, hanno quindi chiesto alla vittima di fissare l’appuntamento con la donna, e dopo aver fotocopiato la somma richiesta (nella foto), e averla infilata in una busta, si sono appostati in attesa dello scambio, avvenuto nella mattinata del 4 novembre a Castel San Giovanni.

La 29enne, una volta afferrata la busta, ha cercato di defilarsi rapidamente approfittando della confusione del mercato settimanale, senza sapere che erano presenti tutti e cinque i militari della stazione di Borgonovo; lo stesso comandante ha inseguito la donna, bloccandola subito dopo.

La stessa ha poi dichiarato agli investigatori di non essere in stato interessante. Dopo l’arresto, è stata condotta al carcere delle Novate, come disposto dal sostituto procuratore Ornella Chicca, in attesa dell’udienza di convalida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.